Carrello

Il tuo carrello contiene 0 prodotti

Nessun prodotto nel carrello.
Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello
1x FIOCCHI CARAMELLO IN REGALO
Arriva a 54.99€ di prodotti aggiunti in carrello
hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

asma bronchiale

Asma Bronchiale: Sintomi, Cause e Terapia

Scienza
Tempo di lettura: 4 minuti
Autore: Isabella Iallonghi
Pubblicato il: 07-06-2024

L’asma bronchiale è una patologia respiratoria cronica caratterizzata da infiammazione e restringimento delle vie aeree, che può causare difficoltà respiratorie, respiro sibilante, tosse e oppressione toracica. È una condizione che può influenzare significativamente la qualità della vita di chi ne è affetto, limitando le attività quotidiane e richiedendo un trattamento mirato per controllare i sintomi e prevenire le crisi asmatiche. In questo articolo esamineremo approfonditamente i sintomi, le cause sottostanti e le opzioni terapeutiche disponibili per gestire l’asma bronchiale in modo efficace.

Cos’è l’Asma?

L’asma è una malattia cronica delle vie respiratorie caratterizzata da infiammazione e reattività eccessiva delle vie aeree. Nelle persone affette da questa patologia, le vie aeree tendono a restringersi e a gonfiarsi in risposta ad allergeni, irritanti o virus respiratori. Questa reazione provoca un aumento della produzione di muco e un restringimento dei bronchi, il che rende più difficile il passaggio dell’aria attraverso i polmoni.

Le crisi asmatiche possono variare da lievi a gravi e possono essere scatenate da fattori come l’esercizio fisico, l’esposizione a sostanze irritanti o l’infezione respiratoria. Se non adeguatamente controllata, l’asma bronchiale può interferire significativamente con le attività quotidiane e compromettere la qualità della vita.

Tipologie di Asma

Le tipologie di asma variano in base alla gravità e alla frequenza dei sintomi. L’asma intermittente si manifesta sporadicamente, con sintomi che si verificano per due giorni alla settimana o meno e che hanno un impatto minimo sulle attività quotidiane. L’asma lieve persistente si presenta più di due volte a settimana, influenzando in parte le normali attività. A partire da questo livello, l’asma diventa cronica e i sintomi possono essere quotidiani, interferendo significativamente con la vita quotidiana. L’asma grave persistente, invece, si caratterizza per la presenza di sintomi che si manifestano durante tutto l’arco della giornata e che limitano gravemente le attività quotidiane del paziente.

A questa caratterizzazione, si aggiunge la distinzione tra asma bronchiale e asma allergica.

Asma Bronchiale

Coinvolge principalmente i bronchi, manifestandosi in diverse fasi, sia durante periodi stazionari che durante attacchi asmatici veri e propri. Essendo una patologia cronica, richiede un trattamento appropriato per gestire efficacemente i sintomi. Le cause dell’asma bronchiale possono essere congenite, legate a difetti genetici o a condizioni prenatali, oppure acquisite, come nel caso di esposizione a sostanze irritanti o al fumo. Quando l’asma è scatenata da specifiche allergie, viene definita come asma bronchiale allergica.

Asma Allergica

Rappresenta la forma più comune di asma, colpendo circa il 50% degli adulti e l’80% dei bambini affetti da questa condizione respiratoria. In Italia, milioni di persone ogni anno sono colpite da allergie respiratorie causate dai pollini presenti nell’aria. I sintomi dell’asma allergica si manifestano in risposta al contatto con allergeni, principalmente tramite l’inalazione. Dispnea improvvisa, rinite allergica e congiuntivite allergica sono tra i sintomi tipici che possono accompagnare l’asma allergica, soprattutto durante le stagioni di pollinosi.

asma bronchiale

Cause dell’Asma

Lo sviluppo dell’asma può essere influenzato da fattori sia di natura genetica che ambientale. Le cause dell’asma possono essere quindi suddivise in due categorie principali: quelle riguardanti la predisposizione genetica dell’individuo e quelle riguardanti il contatto con sostanze presenti nell’ambiente, come allergeni o irritanti, che possono scatenare le crisi asmatiche in soggetti predisposti.

È importante sottolineare che queste modalità possono interagire tra loro. In linea generale i fattori scatenanti dell’asma includono:

Fattori individuali:

  • Predisposizione genetica
  • Allergie
  • Iperresponsività delle vie aeree
  • Affaticamento e stress

Fattori ambientali:

  • Allergeni presenti nell’ambiente domestico e/o lavorativo, come acari della polvere, pollini e scarafaggi
  • Fumo di sigaretta
  • Inquinamento atmosferico
  • Infezioni delle vie respiratorie
  • Obesità
  • Esposizione all’aria fredda

L’asma può essere anche scatenata da alcuni farmaci, come i β-bloccanti e, in alcuni pazienti, l’aspirina o altri farmaci antiinfiammatori non steroidei (FANS).

Sintomi dell’Asma

L’ attacco d’asma tende a verificarsi più frequentemente durante la notte o al mattino presto, soprattutto quando gli effetti dei farmaci preventivi si sono esauriti e il corpo è meno in grado di contrastare il restringimento delle vie aeree. I sintomi dell’asma possono includere:

  • Tosse stizzosa: Spesso presente come sintomo principale, la tosse può manifestarsi durante la notte, al risveglio o in risposta all’attività fisica. Può essere intermittente e accompagnata da starnuti o sensazione di naso chiuso.
  • Respiro sibilante: Caratterizzato da un suono acuto durante l’espirazione, il respiro sibilante può essere accompagnato da difficoltà respiratorie e affanno.
  • Sensazione di oppressione toracica: Nei casi più gravi di asma, si può avvertire una sensazione di costrizione o soffocamento nel petto.
  • Sintomi precoci come prurito al collo o al torace, soprattutto nei bambini.

In situazioni di grave difficoltà respiratoria, il paziente può sperimentare sudorazione, ansia, aumento della frequenza cardiaca e perdita della capacità di parlare a causa della mancanza di respiro. La diminuzione del flusso d’aria può ridurre il sibilo durante la respirazione, ma la mancanza di ossigeno può portare a segni più gravi come confusione, cianosi delle labbra o delle dita, e persino svenimento.

ATTENZIONE: È fondamentale che i sintomi dell’asma vengano trattati prontamente per evitare complicazioni gravi. Se i sintomi sono particolarmente gravi o persistono nonostante il trattamento, è necessario cercare immediatamente assistenza medica.

Asma Bronchiale: Diagnosi

La formulazione di una diagnosi di asma inizia con l’attenzione ai sintomi segnalati dal paziente, che costituiscono il primo segnale di allarme per sospettare la presenza di questa condizione respiratoria. Il medico, pertanto, dedica particolare cura alla raccolta delle informazioni riguardanti la sintomatologia e la storia clinica del soggetto.

Gli esami strumentali assumono un ruolo cruciale nella conferma della diagnosi di asma. Tra di essi, la spirometriariveste un’importanza fondamentale, consentendo di valutare la presenza di eventuali ostruzioni nelle vie respiratorie. Utilizzando lo spirometro, è possibile misurare la quantità d’aria che il paziente è in grado di inspirare ed espirare forzatamente in un secondo di tempo. Questo esame viene eseguito prima e dopo l’assunzione di farmaci broncodilatatori, i quali possono indurre il rilassamento delle vie aeree e migliorare la ventilazione polmonare.

Nei casi di asma da sforzo, il paziente può essere sottoposto a test di funzionalità respiratoria prima e dopo l’esercizio fisico, come la pedalata su cyclette o la corsa su tapis roulant, al fine di valutare la capacità polmonare.

Altri esami diagnostici più generici che possono risultare utili nella valutazione includono radiografie e tomografie computerizzate (TAC) per individuare eventuali anomalie polmonari o delle vie respiratorie. Test di provocazione bronchiale possono essere eseguiti per determinare il grado di infiammazione bronchiale. Inoltre, l’emogasanalisi arteriosa e la misurazione del picco di flusso espiratorio sono procedure che forniscono importanti indicazioni sulla funzionalità respiratoria e sull’entità dell’ostacolo delle vie aeree.

Nel caso di sospetto di un’origine allergica, la diagnosi di asma può essere confermata attraverso test allergologici cutanei o sierologici, che consentono di identificare gli allergeni responsabili.

Curare l’Asma: Terapia

La terapia dell’asma si basa su una combinazione di farmaci e altre strategie, mirate a controllare i sintomi, prevenire le crisi asmatiche e migliorare la qualità della vita.

I farmaci utilizzati per il trattamento dell’asma possono essere divisi in due categorie principali: i farmaci a breve termine per il sollievo dei sintomi acuti (come i broncodilatatori ad azione rapida, ad esempio i β2-agonisti), e i farmaci a lungo termine per il controllo e la prevenzione dei sintomi (come i corticosteroidi inalatori, i broncodilatatori a lunga durata d’azione e i farmaci antileucotrienici). I corticosteroidi inalatori sono spesso prescritti come terapia di base per controllare l’infiammazione delle vie aeree, mentre i broncodilatatori a lunga durata d’azione sono utilizzati per migliorare la funzione respiratoria e prevenire l’ostruzione delle vie aeree.

Diverse misure preventive possono contribuire a ridurre il rischio di sviluppare l’asma:

  • Pulizia regolare degli ambienti poiché queste possono accumulare allergeni e sostanze irritanti.
  • Assicurarsi che l’aria nelle stanze non sia né troppo secca né troppo umida.
  • Seguire una dieta equilibrata che favorisca la salute respiratoria e l’immunità generale, evitando cibi che potrebbero essere associati ad allergie o infiammazioni.
  • Evitare il fumo attivo e passivo.
  • Proteggersi dai cambiamenti di temperatura bruschi.

La terapia dell’asma è spesso un processo di prova ed errore, in cui è necessario trovare la combinazione ottimale di farmaci e strategie di gestione per controllare efficacemente la condizione del paziente. È importante che il paziente lavori in stretta collaborazione con il medico per sviluppare un piano terapeutico personalizzato e monitorare regolarmente la risposta al trattamento al fine di mantenere l’asma sotto controllo e prevenire le complicanze a lungo termine.

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantire un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante.
Tutti i claims associati ai nostri prodotti sono ricavati da:
– DM 10 Agosto 2018 Preparati Vegetali
– Regolamento UE n. 432_2012 della Commissione
– Regolamento CE n. 1924_2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio

Articoli correlati

Extra Sconto del 10%

Iscriviti adesso alla Newsletter, ti regaliamo
un codice sconto del 10% da utilizzare al tuo primo acquisto.

Riceverai periodicamente promozioni riservate e sconti pazzeschi!

Ottieni lo sconto extra adesso

Siamo spiacenti, ci sono problemi con l'invio del modulo.
Riprova più tardi.

plane

Possiamo aiutarti?
Contattaci

ct-call

Chiamaci al
351 969 3267

ct-mail

Scrivici all’indirizzo
servizioclienti@mylabnutrition.net

ct-chat

Chatta
con un operatore

Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello
1x FIOCCHI CARAMELLO IN REGALO
Arriva a 54.99€ di prodotti aggiunti in carrello