Carrello

Il tuo carrello contiene 0 prodotti

Nessun prodotto nel carrello.
Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello
hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

cistite ricorrente

Cistite Ricorrente: Cause e Rimedi

Scienza
Tempo di lettura: 4 minuti
Autore: Isabella Iallonghi
Pubblicato il: 29-09-2023

La cistite, un’ infiammazione dolorosa delle vie urinarie, costituisce una problematica frequente per numerose donne nel corso della loro vita. Mentre può manifestarsi sporadicamente, in alcuni casi si sviluppa in un ciclo di recidive noto come cistite ricorrente. Questa condizione non solo comporta disagi fisici, ma impatta notevolmente sulla qualità della vita. Comprendere le origini di questa sfida persistente risulta cruciale per affrontarla in modo efficace.

Nel corso di questo articolo, esploreremo le ragioni sottostanti alla cistite ricorrente, analizzando predisposizioni e abitudini quotidiane al fine di approfondire la comprensione di questo problema. Inoltre, saranno esaminate diverse soluzioni e strategie, sia tradizionali che innovative, atte a alleviare i sintomi acuti, prevenire le ricorrenze e promuovere il benessere complessivo.

Cos’è la cistite batterica?

La cistite batterica è una condizione comune dell’apparato urinario che colpisce principalmente il sesso femminile, specialmente donne sessualmente attive e di età compresa tra i 20 e i 50 anni.

Questa infezione coinvolge la vescica, il collo vescicale e l’uretra, causata da batteri che penetrano nel sistema urinario. I sintomi caratteristici includono un forte bruciore durante la minzione e un frequente bisogno di urinare. Oltre a questi sintomi, la cistite batterica può manifestarsi con febbre, sensazione di pesantezza nell’addome inferiore, dolore ai fianchi, nausea e la presenza di sangue nelle urine.

Sebbene la cistite possa risolversi in un singolo episodio, è cruciale affrontare tempestivamente la condizione. Se trascurata o non curata adeguatamente, la cistite può evolvere in una forma cronica, portando a ricorrenti episodi di infezione e a un impatto significativo sulla qualità della vita. La gestione appropriata della cistite batterica coinvolge non solo il trattamento sintomatico dei sintomi acuti ma anche l’identificazione e l’affronto delle cause sottostanti per prevenire il passaggio a una forma cronica della malattia. La consulenza medica è fondamentale per una diagnosi accurata e per sviluppare un piano di trattamento mirato, riducendo il rischio di recidive e migliorando la salute complessiva del sistema urinario.

Quali sono le cause della cistite ricorrente?

Nella maggior parte dei casi, le ragioni alla base della cistite ricorrente comprendono, come precedentemente menzionato, un’inefficiente eliminazione di un’infezione precedente. Oltre a questo, vi sono altre possibili cause da considerare. Le infezioni a trasmissione sessuale, ad esempio, possono essere responsabili delle ricorrenti infiammazioni delle vie urinarie. Nei maschi, l’infiammazione della ghiandola prostatica, situata proprio sotto la vescica, può comprimere l’uretra, rendendo la minzione difficile e aumentando la suscettibilità alle infezioni.

Altri fattori, quali la scarsa o eccessiva igiene intima, un’alimentazione ricca di zuccheri, un sistema immunitario indebolito, l’uso di assorbenti interni, diaframmi come metodo contraccettivo, una storia di infezioni del tratto urinario, il diabete e l’indossare biancheria o pantaloni troppo aderenti, possono altresì contribuire alla cistite ricorrente. La comprensione approfondita di queste cause eterogenee è essenziale per sviluppare strategie di gestione personalizzate e mirate, mirate a prevenire la ricorrenza della cistite e a promuovere una salute urinaria duratura.

Escherichia Coli e Cistite

Il principale responsabile delle cistiti ricorrenti è l’Escherichia coli, un batterio che colonizza le pareti della vescica, innescando un processo infiammatorio. Tuttavia, è importante sottolineare che questo batterio non opera in isolamento; frequentemente, altri batteri partecipano all’infezione. Questi germi sono comunemente presenti nel tratto gastrointestinale e possono migrare dalla regione intestinale al perineo, per poi infiltrarsi nell’uretra e nella vescica.

La comprensione di questa dinamica microbica complessa è fondamentale per delineare strategie di prevenzione e trattamento mirate contro la cistite ricorrente. Il ruolo predominante dell’Escherichia coli sottolinea l’importanza di esplorare approcci terapeutici mirati a contrastare specificamente questo batterio, al fine di ridurre le possibilità di recidive e migliorare la gestione della condizione.

Cistite Recidivante Menopausa

La cistite recidivante durante la menopausa rappresenta una sfida particolare per molte donne, poiché i cambiamenti ormonali in questa fase della vita possono influenzare significativamente la salute delle vie urinarie. La diminuzione dei livelli di estrogeni può causare un indebolimento delle pareti della vescica e una maggiore suscettibilità alle infezioni urinarie ricorrenti. Inoltre, la menopausa può portare a una riduzione della lubrificazione vaginale, aumentando il rischio di infezioni e irritazioni.

Affrontare la cistite in menopausa richiede un approccio olistico, che potrebbe includere la gestione degli squilibri ormonali attraverso terapie mirate, l’adozione di misure preventive come l’incremento dell’idratazione, e l’utilizzo di lubrificanti vaginali per mantenere la salute delle mucose. La consulenza medica è essenziale per sviluppare un piano personalizzato che affronti le sfide specifiche legate alla cistite recidivante durante la menopausa, migliorando così la qualità della vita delle donne in questa fase della loro vita.

Diagnosi della Cistite

Quando gli episodi di cistite si manifestano in modo persistente, è consigliabile sottoporsi a una completa serie di esami medici, preferibilmente sotto la supervisione del proprio ginecologo o ginecologa di fiducia. Questa fase di diagnosi include una visita urologica e ginecologica approfondita, un’analisi delle urine, una coltura delle urine e talvolta una citologia urinaria. Questi accertamenti sono fondamentali per escludere patologie più gravi alla base delle ricorrenti infiammazioni delle vie urinarie.

Le terapie per la cistite, di solito, prevedono l’impiego di antibiotici, che devono essere assunti per l’intera durata del trattamento, anche se i sintomi svaniscono prima del previsto. L’interruzione prematura del ciclo antibiotico può infatti favorire il ritorno dell’infezione. In alcune situazioni, possono essere prescritti anche antidolorifici per alleviare il disagio associato alla cistite.

ATTENZIONE: Prima di intraprendere qualsiasi terapia, è essenziale consultare il proprio medico per stabilire la natura specifica dell’infezione, determinando se si tratta di cistite ricorrente, caratterizzata da episodi regolari, o di cistite recidivante, con manifestazioni ravvicinate a distanza di settimane o mesi.

È fondamentale sottolineare l’importanza di un uso attento degli antibiotici, il quale deve avvenire sotto la stretta supervisione medica. L’utilizzo indiscriminato di questi farmaci può portare a uno squilibrio della flora batterica, oltre a favorire la resistenza batterica, rendendo a lungo termine inefficace il trattamento antibiotico. La consapevolezza di questi rischi sottolinea l’importanza della gestione oculata delle terapie antibiotiche, in linea con le indicazioni del professionista medico.

Dieta per cistite ricorrente

Quando si soffre di cistiti frequenti, l’alimentazione può svolgere un ruolo fondamentale nel gestire e prevenire questa condizione infiammatoria delle vie urinarie.

In genere, si consiglia di aumentare il consumo di acqua per favorire la diluizione delle urine e ridurre l’irritazione delle mucose. Alcuni alimenti noti per avere proprietà antinfiammatorie, come mirtilli rossi e ananas, possono essere inclusi nella dieta per contribuire a combattere l’infiammazione. Al contrario, è consigliabile limitare o evitare alimenti e bevande che possono irritare la vescica, come caffè, alcol, cibi piccanti e agrumi. La riduzione dell’apporto di sodio è un altro elemento chiave, poiché il sodio può contribuire alla ritenzione idrica e all’irritazione delle vie urinarie.

Una dieta bilanciata, arricchita di frutta, verdura, proteine magre e cereali integrali, può contribuire a sostenere la salute delle vie urinarie e ridurre il rischio di recidive della cistite. Tuttavia, è sempre consigliabile consultare un professionista della salute o un dietologo per adattare la dieta in base alle esigenze specifiche di ciascun individuo.

Cistiti Ricorrenti: È possibile prevenirle?

Nel contesto della prevenzione delle cistiti, l’evitare l’uso preventivo degli antibiotici rappresenta una scelta consapevole, dato che il loro uso eccessivo può contribuire alla resistenza batterica. Il D Mannosio, estratto dal legno della betulla, emerge come un’alternativa interessante, poiché agisce come un agente disinfettante e chemioterapico naturale. Questo zucchero è noto per la sua capacità di impedire l’adesione dei batteri alle pareti della vescica, sostenendo così la sua naturale barriera protettiva.

Un’igiene intima accurata è fondamentale per prevenire l’introduzione di batteri nocivi. La raccomandazione di bere almeno 2 litri d’acqua al giorno non solo contribuisce a mantenere il corpo idratato, ma favorisce anche il lavaggio delle vie urinarie, aiutando l’eliminazione di microbi e tossine. L’introduzione di prebiotici e probiotici nella dieta è utile per mantenere l’equilibrio della flora intestinale, che gioca un ruolo importante nella salute delle vie urinarie.

Evitare di trattenere l’urina per lunghi periodi di tempo è cruciale, poiché questo comportamento può favorire la proliferazione batterica nelle vie urinarie. La scelta di indumenti non eccessivamente aderenti o realizzati con tessuti sintetici contribuisce a prevenire l’accumulo di umidità, creando un ambiente meno favorevole per la crescita dei batteri. La pratica di svuotare la vescica subito dopo i rapporti sessuali è consigliata per ridurre il rischio di infezioni legate all’attività sessuale.

Per coloro che già soffrono di cistite, l’assunzione di succo di mirtillo rosso o integratori a base di mirtillo può essere d’aiuto, in quanto i mirtilli rossi contengono sostanze che impediscono l’adesione dei batteri alle pareti delle vie urinarie, riducendo così la probabilità di recidive.

Integratori contro la Cistite

Mirtillo Nero

Mirtillo Nero è un integratore alimentare in compresse a base di Mirtillo Nero in foglie titolate in Antocianine e frutto titolato in Rutina, indicate per regolare le funzionalità del microcircolo sanguigno di arti e occhi.

La polvere di Mirtillo Nero infatti, favorisce la funzionalità del microcircolo di capillari e venule.

Il Mirtillo Nero svolge anche una potente azione drenante di liquidi corporei, particolarmente utile in caso di gambe stanche e pesanti, per l’eliminazione dei liquidi in eccesso e per sostenere le vie urinarie.

Nutriserep Uomo

È vero che la cistite è più frequente nella donna, ma talvolta può presentarsi anche nell’uomo. Per questo motivo Nutracleha pensato ad un Integratore tutto al maschile, Nutriserep.

Una formula a base di estratto secco di Serenoa Repens titolata in acidi grassi al 40%, Zucca titolata in acido linoleico al 25% e acido oleico al 15%, Polline e Zinco in capsule, utile al mantenimento della normale funzione prostatica e per la normale funzionalità delle vie urinarie.

La presenza di Zucca, allo stesso modo della Serenoa Repens, aiuta a favorire il drenaggio dei liquidi corporei e a sostenere le vie urinarie.

La presenza del Polline lo rende un integratore completo ricco di vitamine, aminoacidi e proteine per un aiuto anche sul sistema immunitario.

Lo Zinco invece, è utile al benessere dei capelli, alla normale funzione di fertilità e riproduzione, contribuisce al mantenimento dei livelli normali di testosterone nel sangue.

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantire un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante.
Tutti i claims associati ai nostri prodotti sono ricavati da:
– DM 10 Agosto 2018 Preparati Vegetali
– Regolamento UE n. 432_2012 della Commissione
– Regolamento CE n. 1924_2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio

Articoli correlati

Extra Sconto del 10%

Iscriviti adesso alla Newsletter, ti regaliamo
un codice sconto del 10% da utilizzare al tuo primo acquisto.

Riceverai periodicamente promozioni riservate e sconti pazzeschi!

Ottieni lo sconto extra adesso

Siamo spiacenti, ci sono problemi con l'invio del modulo.
Riprova più tardi.

plane

Possiamo aiutarti?
Contattaci

ct-call

Chiamaci al
351 969 3267

ct-mail

Scrivici all’indirizzo
servizioclienti@mylabnutrition.net

ct-chat

Chatta
con un operatore

Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello