Carrello

Il tuo carrello contiene 0 prodotti

Nessun prodotto nel carrello.
Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello
hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

conservare cibo fresco

Come mantenere e conservare il cibo fresco?

Stile di vita sano e Nutrizione
Tempo di lettura: 4 minuti
Autore: Redazione
Pubblicato il: 10-06-2021

Mantenere e conservare il cibo fresco è una sfida quotidiana che richiede una combinazione di buone pratiche, consapevolezza e scelte oculatamente mirate. Con il ritmo frenetico della vita moderna, spesso ci troviamo di fronte alla necessità di preservare gli alimenti per periodi più lunghi senza comprometterne la qualità e la sicurezza. In questo articolo, esploreremo strategie efficaci e suggerimenti pratici per mantenere il cibo fresco più a lungo, dalla corretta conservazione in frigorifero e freezer, alle tecniche di imballaggio che riducono lo spreco alimentare.

Come conservare il cibo?

Prima di tutto, è fondamentale adottare una strategia di corretta disposizione degli alimenti nel frigorifero, affinché ciascun tipo di cibo mantenga intatte le sue proprietà chimiche, fisiche e nutrizionali.

Un principio basilare consiste nella separazione degli alimenti in base alle loro caratteristiche e necessità di conservazione. Ad esempio, è consigliabile mantenere frutta e verdura lontane da carne e pesce per evitare la contaminazione incrociata. Inoltre, è cruciale evitare di sovraccaricare il frigorifero, garantendo uno spazio adeguato tra gli alimenti e impedendo l’ammassamento che potrebbe compromettere la circolazione dell’aria fredda. Un’ulteriore raccomandazione è quella di non inserire cibi ancora caldi nel frigorifero, in quanto ciò può innalzare la temperatura interna compromettendo la conservazione ottimale.

Nei moderni frigoriferi, progettati con sezioni specifiche per diverse tipologie di alimenti, è possibile sfruttare al meglio le diverse zone di temperatura. La parte inferiore, generalmente la più fredda, è ideale per conservare carni, mentre il ripiano centrale si presta perfettamente per latticini e formaggi. I cassetti sono riservati a frutta e verdura, mentre gli sportelli offrono spazi specifici per uova, bibite e salse, contribuendo a mantenere un’organizzazione ottimale.

Un aspetto spesso trascurato ma di vitale importanza è la pulizia regolare del frigorifero. Questa pratica è essenziale per prevenire la formazione di cattivi odori e garantire un ambiente igienico per gli alimenti. Un semplice metodo di pulizia prevede lo svuotamento del frigorifero seguito da un trattamento con acqua e aceto, un efficace alleato contro gli odori sgradevoli.

Nei paragrafi seguenti, offriremo una guida dettagliata su come ottimizzare la conservazione degli alimenti in frigorifero, fornendo consigli pratici e utili per mantenere la freschezza e la sicurezza alimentare.

Come conservare la carne?

Per garantire la conservazione ottimale della carne e preservarne la freschezza, è essenziale adottare alcune pratiche specifiche. La carne, data la sua tendenza a deperire rapidamente, deve essere accuratamente posizionata nel frigorifero. L’ideale è collocarla sul ripiano situato sopra il cassetto delle verdure, beneficiando così di una temperatura costante e adeguata alla sua conservazione. Questa zona del frigorifero generalmente si mantiene intorno ai 2°C, temperatura ottimale per preservare la carne in modo sicuro.

Dato che la carne è particolarmente sensibile, è consigliabile consumarla entro tempi definiti per evitare il rischio di deterioramento. In linea di massima, è consigliato consumare la carne entro 3-4 giorni dal momento dell’acquisto. Tuttavia, è importante notare che vi sono specifici limiti temporali per tipologie di carne specifiche: ad esempio, la carne macinata dovrebbe essere consumata entro 24 ore, mentre pollo e tacchino entro 48 ore.

Nel caso in cui non sia possibile consumare la carne entro i tempi prestabiliti, una valida soluzione è il congelamento. Congelare la carne non solo ne estende la durata di conservazione, ma permette anche di mantenere intatte le sue qualità nutritive e organolettiche. Prima di congelare la carne, è consigliabile porzionarla in maniera adeguata e utilizzare contenitori o sacchetti sigillati per preservare al meglio la sua freschezza.

Come conservare pesce fresco in frigo?

La conservazione di pesce fresco in frigorifero richiede attenzione e tempestività, considerando la sua propensione al deterioramento rapido.

Dopo aver pulito il pesce con cura, è consigliabile riporlo in sacchetti per alimenti, assicurandosi di eliminare l’aria per ridurre l’ossidazione e il rischio di contaminazione batterica. È fondamentale consumare il pesce entro un breve lasso di tempo, idealmente entro 24 ore, per garantirne la massima freschezza e sicurezza alimentare.

Analogamente alla carne, nel caso in cui non sia possibile consumare il pesce entro il periodo consigliato, è possibile ricorrere al congelamento.

Anche in questo caso la temperatura del frigorifero deve essere costantemente mantenuta a livelli bassi per garantire un ambiente idoneo alla conservazione del pesce fresco. Questo contribuirà a ritardare il processo di deterioramento e a preservare il sapore e le proprietà nutritive del pesce.

Come conservare gli affettati?

La corretta conservazione degli affettati è essenziale per garantirne la freschezza e la sicurezza alimentare. Dopo l’acquisto, è consigliabile riporre gli affettati in frigorifero, mantenendoli avvolti nella pellicola originale fornita dal negoziante. Questo stratagemma contribuisce a preservare il loro sapore e la consistenza, oltre a proteggerli da contaminazioni esterne.

Il periodo di consumo ideale per gli affettati è di solito entro 5 giorni dall’acquisto. Questo limite temporale è importante per evitare il rischio di deterioramento e garantire la massima freschezza. Ulteriori accorgimenti possono includere l’uso di contenitori ermetici per affettati, che aiutano a mantenere l’integrità degli alimenti e prevengono eventuali trasferimenti di odori nel frigorifero.

mantenere cibo fresco

Come conservare le uova?

Per la conservazione delle uova, di solito, nei frigoriferi, esiste uno spazio dedicato, spesso situato nello sportello, dotato di un portauova appositamente progettato per ospitarle. Questo design agevola una corretta conservazione e protegge le uova da eventuali danni durante il loro stoccaggio.

Le uova, in genere, sono alimenti a lunga conservazione, mantenendosi fresche per un periodo medio di circa un mese. Tuttavia, è fondamentale prestare attenzione alla data di scadenza indicata sulla confezione e consumarle entro questo termine per garantirne la qualità.

Si consiglia vivamente di preferire uova biologiche o extra fresche per assicurarsi della loro provenienza e della qualità del prodotto. Inoltre, è importante evitare il consumo di uova crude o poco cotte, poiché potrebbero rappresentare un potenziale veicolo di salmonella. La cottura completa delle uova è fondamentale per distruggere eventuali batteri nocivi e garantire un alimento sicuro per il consumo.

Come conservare frutta e verdura?

 

Per la conservazione ottimale di frutta e verdura esistono gli appositi cassetti nei frigoriferi, progettati per questo scopo, offrendo uno spazio dedicato a questi alimenti. Un consiglio prezioso è quello di utilizzare sacchetti di carta per riporre frutta e verdura, poiché questi mantengono una migliore conservazione e prevengono il contatto diretto con la superficie, contribuendo a evitare danni eccessivi.

Per quanto riguarda le verdure, è importante notare che alcune non richiedono la conservazione in frigorifero. Ad esempio, patate e pomodori dovrebbero essere riposti in un luogo fresco e buio, poiché il freddo può comprometterne la consistenza e il processo di maturazione. Le basse temperature, infatti, possono danneggiare le membrane esterne dei pomodori e interrompere il loro normale processo di maturazione.

Per la frutta, la maggior parte degli alimenti come mele, banane e kiwi può essere conservata fuori dal frigorifero. Tuttavia, ci sono eccezioni come fragole, ciliegie e frutti di bosco che, a causa della loro maggiore sensibilità, richiedono particolare attenzione. Questi frutti si deteriorano più facilmente e, quindi, è consigliabile conservarli nel frigorifero per prolungarne la freschezza.

Come conservare formaggi e latticini?

Le temperature elevate rappresentano il principale nemico dei latticini, che dovrebbero essere conservati a temperature specifiche per garantirne la qualità. I latticini freschi, come yogurt e latte, devono essere mantenuti tra i 2°C e i 4°C in frigorifero, e una volta aperti, è consigliabile consumarli entro 3-4 giorni per assicurarne la freschezza e la sicurezza alimentare.

Per quanto riguarda i formaggi, è essenziale proteggerli da variazioni di temperatura. I formaggi freschi dovrebbero essere conservati a temperature simili ai latticini freschi, mentre quelli stagionati possono essere mantenuti a temperature leggermente più elevate, tra i 10°C e i 12°C. In ogni caso, tutti i formaggi devono essere protetti da fogli di carta da frigorifero per evitare l’accumulo di umidità, che potrebbe compromettere la consistenza e il sapore. L’uso di contenitori, preferibilmente di vetro con coperchio, rappresenta una soluzione efficace per prevenire l’assorbimento di odori indesiderati e mantenere intatte le caratteristiche organolettiche dei formaggi.

Va sottolineato che la scelta di contenitori di vetro rispetto a quelli di plastica contribuisce a mantenere una migliore qualità del formaggio, in quanto il vetro non assorbe né trattiene odori sgradevoli. Questo aspetto è particolarmente rilevante quando si conservano formaggi con aromi delicati.

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantire un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante.
Tutti i claims associati ai nostri prodotti sono ricavati da:
– DM 10 Agosto 2018 Preparati Vegetali
– Regolamento UE n. 432_2012 della Commissione
– Regolamento CE n. 1924_2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio

Articoli correlati

Extra Sconto del 10%

Iscriviti adesso alla Newsletter, ti regaliamo
un codice sconto del 10% da utilizzare al tuo primo acquisto.

Riceverai periodicamente promozioni riservate e sconti pazzeschi!

Ottieni lo sconto extra adesso

Siamo spiacenti, ci sono problemi con l'invio del modulo.
Riprova più tardi.

plane

Possiamo aiutarti?
Contattaci

ct-call

Chiamaci al
351 969 3267

ct-mail

Scrivici all’indirizzo
servizioclienti@mylabnutrition.net

ct-chat

Chatta
con un operatore

Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello