Carrello

Il tuo carrello contiene 0 prodotti

Nessun prodotto nel carrello.
Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello
hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

tartaro denti cane

Come Rimuovere il Tartaro dai Denti del Cane?

Animali domestici
Tempo di lettura: 4 minuti
Autore: Isabella Iallonghi
Pubblicato il: 13-05-2024

Se il tuo cane sorride sempre, ma la sua bocca, contiene un accumulo di tartaro che potrebbe far arrossire anche il più intraprendente dei veterinari, non preoccuparti! Rimuovere il tartaro dai denti del tuo amico a quattro zampe può sembrare una sfida, ma con un po’ di pazienza e qualche trucco, puoi ristabilire la brillantezza dei suoi denti senza dover indossare un camice da dentista. In questo articolo, esploreremo alcune strategie semplici e sicure per sconfiggere il nemico numero uno della dentizione canina: il temuto tartaro!

Cos’è il Tartaro?

Il tartaro dei denti del cane è quel fastidioso accumulo di batteri che si mette comodo sulla superficie dentale, strato dopo strato, come un inquilino indesiderato che si insedia non solo sulla parte visibile del dente ma anche sotto il colletto gengivale. Questo invasore non solo provoca dolore per via dell’infiammazione che scatena, ma anche instabilità nel dente stesso, minacciando perfino la sua tenuta nel lungo termine. Ma cosa lo scatena?

Una serie di fattori possono predisporre il cane all’accumulo di tartaro. La scarsa igiene orale, un’alimentazione ricca di carboidrati complessi, una predisposizione genetica, la razza e la taglia dell’animale, la conformazione specifica della sua bocca, l’età avanzata: tutti questi elementi giocano un ruolo nel creare un ambiente favorevole per la proliferazione del tartaro. Alcuni cibi possono contribuire al problema, come quelli appiccicosi che favoriscono un rapido accumulo di placca. Inoltre, l’abitudine del cane a masticare oggetti non appropriati, come sassi, palline da tennis o sbarre di ferro, può causare danni seri ai denti, inclusa la rottura dello smalto. Anche le ossa, soprattutto se cotte, possono provocare problemi dentali significativi.

Senza le giuste cure preventive, la placca e il tartaro si accumulano, portando a condizioni come la gengivite e la patologia parodontale. Questo è il motivo per cui è così importante abituare i nostri amici pelosi fin da cuccioli a una corretta igiene orale.

Come Riconoscere il Tartaro nei Denti del Cane?

Riconoscere il tartaro nei denti dei cani è fondamentale per intervenire tempestivamente e prevenire eventuali complicazioni dentali. Ecco alcuni segnali che possono indicare la presenza di tartaro:

  1. Odore sgradevole: Alito cattivo persistente nel tuo cane, potrebbe essere causato dalla presenza di batteri nel tartaro.
  2. Denti giallastri o marroni: Il tartaro si manifesta spesso come una sostanza giallastra o marrone sui denti del cane, specialmente lungo il bordo gengivale.
  3. Gengive infiammate: Le gengive rosse, gonfie o sanguinanti possono indicare la presenza di infiammazione causata dall’accumulo di tartaro.
  4. Difficoltà alimentari: Se il tuo cane mostra segni di disagio durante il mangiare o mastica solo da un lato della bocca, potrebbe essere dovuto al dolore causato dal tartaro.
  5. Cambiamenti comportamentali: Un cane con dolore ai denti può diventare irrequieto, irritabile o meno propenso a giocare con giocattoli che coinvolgono la bocca.
  6. Salivazione eccessiva: Un’abbondante produzione di saliva può essere un segnale di disagio causato dall’irritazione delle gengive dovuta al tartaro.

Se noti uno o più di questi segnali, è consigliabile consultare il veterinario per una valutazione e un trattamento appropriato.

tartaro denti cane

Tartaro e Parodontite

Il tartaro, derivante dall’accumulo di placca batterica sui denti, non solo causa alitosi e decolorazione dei denti, ma può anche innescare l’infiammazione delle gengive, nota come gengivite. Questa condizione infiammatoria può progredire ulteriormente fino alla parodontite, una condizione più grave caratterizzata dalla perdita di tessuto gengivale e osseoche supporta i denti. La parodontite non solo mette a rischio la stabilità dei denti, ma può anche avere impatti sulla salute generale del cane, poiché l’infiammazione cronica può avere effetti negativi su altri sistemi corporei, come il sistema cardiovascolare.

Tartaro nel Cane: Rimedi e Consigli

1. Spazzolino, Dentifricio e Spray

Questi strumenti sono fondamentali per mantenere una corretta igiene orale nel cane. Gli spazzolini dentali per cani sono progettati con setole morbide e angolazioni specifiche per raggiungere tutte le superfici dei denti e delle gengive. È importante abituare il cane gradualmente all’uso dello spazzolino, iniziando con brevi sessioni e premiando il comportamento positivo. I dentifrici per cani sono formulati con ingredienti sicuri e spesso contengono enzimi che aiutano a sciogliere il tartaro e a combattere i batteri responsabili della formazione della placca. Gli spray sciogli tartaro possono essere utilizzati come complemento all’igiene orale quotidiana, spruzzando direttamente sulla superficie dei denti e delle gengive del cane.

ATTENZIONE: È essenziale utilizzare un dentifricio specifico per animali. Evita assolutamente di utilizzare dentifrici destinati all’uso umano, poiché potrebbero contenere sostanze tossiche per cani e gatti.

2. Stick Dentali

Gli snack dentali sono una deliziosa opzione per pulire i denti del cane mentre si diverte a masticare. Questi snack sono progettati con una consistenza che aiuta a rimuovere meccanicamente il tartaro durante la masticazione. È importante scegliere snack dentali di alta qualità, preferibilmente con ingredienti naturali come la carne o il pesce, e evitare quelli contenenti conservanti artificiali o coloranti.

3. Pulizia dei Denti

L’eliminazione totale del tartaro nei denti del cane è possibile solo attraverso un intervento chiamato detartrasi, che consiste nella pulizia approfondita dei denti. Questo trattamento è invasivo e richiede l’uso dell’anestesia generale, rendendolo una soluzione che deve essere eseguita esclusivamente da un veterinario specializzato. La detartrasi ha una durata media di circa un’ora ed è considerata un intervento chirurgico, quindi dovrebbe essere presa in considerazione solo se il tartaro nella bocca del cane è significativo al punto da danneggiare le gengive o minacciare la salute dei denti stessi.

Per mantenere la salute dentale del tuo animale, è consigliabile programmare visite di controllo regolari, almeno una volta all’anno. Se il cane è anziano o particolarmente predisposto ai problemi dentali, potrebbe essere necessaria una visita ogni 6 mesi.

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantire un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante.
Tutti i claims associati ai nostri prodotti sono ricavati da:
– DM 10 Agosto 2018 Preparati Vegetali
– Regolamento UE n. 432_2012 della Commissione
– Regolamento CE n. 1924_2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio

Articoli correlati

Extra Sconto del 10%

Iscriviti adesso alla Newsletter, ti regaliamo
un codice sconto del 10% da utilizzare al tuo primo acquisto.

Riceverai periodicamente promozioni riservate e sconti pazzeschi!

Ottieni lo sconto extra adesso

Siamo spiacenti, ci sono problemi con l'invio del modulo.
Riprova più tardi.

plane

Possiamo aiutarti?
Contattaci

ct-call

Chiamaci al
351 969 3267

ct-mail

Scrivici all’indirizzo
servizioclienti@mylabnutrition.net

ct-chat

Chatta
con un operatore

Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello