Carrello

Il tuo carrello contiene 0 prodotti

Nessun prodotto nel carrello.
Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello
hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

condropatia del ginocchio

Condropatia Ginocchio: cause, sintomi e cure

Senza categoria
Tempo di lettura: 4 minuti
Autore: Isabella Iallonghi
Pubblicato il: 14-11-2023

Ti è mai capitato, dopo un piegamento, di sentire uno scricchiolio provenire dal tuo ginocchio? Se ti capita frequentemente, potrebbe non essere per forza colpa dell’età, ma piuttosto potrebbe essere l’indizio che qualcosa nel tuo ginocchio non sta funzionando come dovrebbe.

La causa potrebbe essere la condropatia rotulea, una condizione a carico del ginocchio, che si manifesta con dolore nella zona antero mediale. In questo articolo, esploreremo le cause, i sintomi e le opzioni di trattamento per la condropatia rotulea, al fine di comprendere meglio come prevenirla e gestirla.

Cos’è la condropatia rotulea?

La condropatia è una condizione che colpisce la cartilagine articolare, una struttura essenziale per il corretto funzionamento delle articolazioni nel nostro corpo. La cartilagine è un tessuto resistente e liscio che riveste le estremità delle ossa all’interno delle articolazioni, consentendo loro di muoversi senza attrito. La sua funzione principale è quella di agire come un “ammortizzatore” naturale, prevenendo l’usura delle superfici ossee e garantendo una mobilità agevole.

La condropatia rotulea è una forma specifica di questa condizione che interessa la cartilagine articolare situata tra la rotula (la piccola ossa che copre il ginocchio) e la troclea femorale (la parte dell’osso della coscia sulla quale la rotula scorre durante il movimento del ginocchio). Quando questa cartilagine si danneggia o si deteriora, si verifica la condropatia rotulea, che può comportare sintomi dolorosi e limitazioni nella mobilità dell’articolazione del ginocchio.

La rotula infatti, situata frontalmente rispetto all’ articolazione del ginocchio, svolge un ruolo essenziale nel suo funzionamento. Agendo come una sorta di puleggia, scorre sopra il femore, consentendo al muscolo quadricipite, situato nella parte anteriore della coscia, di esercitare una maggiore forza e operare in modo più efficace. La rotula riveste quindi un ruolo cruciale nell’agevolare una flessione e un’estensione scorrevole ed armonica dell’articolazione del ginocchio.

Condromalacia Rotulea: Significato

La condropatia rotulea e la condromalacia rotulea sono due termini spesso usati in modo intercambiabile, ma hanno delle sfumature di significato leggermente diverse. Entrambe si riferiscono a condizioni che coinvolgono la cartilagine della rotula, ma la condromalacia rotulea è considerata una forma specifica di condropatia.

Il significato di condropatia rotulea è più generico, indicando una patologia della cartilagine della rotula, senza specificare la natura precisa della lesione o dell’usura. Questo termine può essere utilizzato in modo più ampio per descrivere varie condizioni della cartilagine rotulea.

Il significato di condromalacia rotulea, d’altra parte, è una forma specifica di condropatia che si riferisce specificamente alla degenerazione o ammorbidimento della cartilagine sulla superficie posteriore della rotula. Questo tipo di condizione è spesso associato a dolore e disagio, soprattutto durante attività che coinvolgono il movimento del ginocchio.

Cause della Condropatia Femoro-rotulea

La condropatia rotulea è una patologia complessa e multifattoriale, e le sue cause possono derivare da una serie di fattori interconnessi.

Uno dei fattori principali è l’errato allineamento della rotula, noto anche come “disallineamento rotuleo”. In questa situazione, la rotula non scorre in modo uniforme lungo la troclea femorale, la scanalatura sull’osso della coscia che ospita la rotula durante il movimento del ginocchio. Questo scorrimento alterato può esercitare pressioni eccessive sulla cartilagine articolare, portando a infiammazione e danni progressivi.

I traumi ripetuti e diretti sulla rotula rappresentano un altro importante fattore di rischio per questo tipo di condropatia. Questi traumi possono essere il risultato di impatti o cadute dirette sulla rotula, causando lesioni della cartilagine articolare.

Le attività ad alto impatto, come il calcio, la pallavolo, lo sci, il ciclismo e altri sport che coinvolgono salti, accelerazioni e decelerazioni rapide, possono esporre l’articolazione del ginocchio a notevoli sollecitazioni, aumentando il rischio di condropatia rotulea.

Oltre a questi fattori, la condropatia rotulea può anche essere associata a una serie di condizioni o predisposizioni fisiche, come la debolezza muscolare nella zona del ginocchio, l’instabilità della rotula, un’appoggio scorretto del piede e disfunzioni biomeccaniche. Inoltre, il sovrappeso, la sedentarietà e il sesso femminile sono fattori di rischio aggiuntivi, poiché le donne sono più suscettibili a sviluppare questa condizione rispetto agli uomini.

Quali sono i sintomi della condropatia?

La condropatia femoro rotulea può manifestarsi con una serie di sintomi variabili che tendono ad evolversi con il progredire della condizione.

Nella sua fase iniziale, non si manifestano sintomi evidenti, ma è possibile percepire una sensazione di scroscio e crepitio all’interno del ginocchio, dando l’impressione che il ginocchio “cigoli”, anche senza provocare fastidio o dolore.

Nella fase più avanzata, i sintomi diventano più evidenti e pronunciati. Il dolore è uno dei sintomi principali, e può manifestarsi in diverse forme. In alcuni casi, si avverte un dolore generalizzato nell’area del ginocchio, mentre in altri casi, il dolore può concentrarsi specificamente nella parte anteriore, in prossimità della rotula, o nella parte posteriore dell’articolazione.

Il dolore è spesso intermittente, di breve durata e può essere innescato da determinati movimenti o attività. Questi possono includere accovacciarsi, saltare, salire o scendere le scale, correre, camminare per lunghe distanze o in discesa. È comune anche avvertire dolore dopo essere rimasti seduti per lungo tempo nella stessa posizione.

È importante notare che la condropatia rotulea può coinvolgere entrambe le ginocchia, portando alla cosiddetta condropatia bilaterale. Quando il processo degenerativo è in corso, può essere definito come condromalacia femoro-rotulea, indicando un deterioramento significativo della cartilagine articolare tra la rotula e il femore.

condropatia del ginocchio

La diagnosi

La diagnosi della condropatia rotulea richiede una valutazione accurata da parte di un professionista medico, solitamente un ortopedico o un reumatologo. Il processo diagnostico inizia con una dettagliata anamnesi del paziente, in cui vengono raccolte informazioni sui sintomi, la storia clinica e l’eventuale presenza di fattori di rischio come traumi o attività sportive intense. Successivamente, il medico effettuerà un esame obiettivo del ginocchio, cercando segni di dolore, gonfiore e, attraverso alcune manovre, valutando i movimenti dell’articolazione e della rotula.

Per confermare la diagnosi e valutare l’estensione del danno alla cartilagine, possono essere prescritti ulteriori esami diagnostici. La radiografia è spesso il primo passo, ma la condropatia rotulea può non essere visibile su una radiografia standard nelle fasi iniziali. In questi casi, possono essere necessari esami più avanzati, come la risonanza magnetica (RM) o l’artroscopia. La RM offre immagini dettagliate della cartilagine e delle strutture circostanti, mentre l’artroscopia è un procedimento chirurgico mininvasivo in cui viene inserita una telecamera nell’articolazione per una visione diretta.

Una diagnosi accurata è essenziale per determinare il grado di gravità della condropatia rotulea e pianificare il percorso di terapia più appropriato per alleviare i sintomi e prevenire ulteriori danni.

Condropatia Femoro-rotulea: Come si guarisce?

Quando si affronta la condropatia al ginocchio, soprattutto nelle fasi iniziali, è possibile apportare alcuni cambiamenti allo stile di vita che favoriscono un risparmio articolare. Questi includono il riposo e l’evitare attività ad alto impatto come la corsa, i salti e i pagamenti sulle ginocchia. Queste misure possono contribuire a ridurre lo stress sull’articolazione e a limitare l’aggravamento dei sintomi.

Farmaci e terapie conservative

Nel trattamento della condropatia rotulea, il medico può inizialmente prescrivere farmaci antidolorifici noti come FANS (Farmaci Antinfiammatori Non Steroidei) e consigliare l’applicazione di ghiaccio se si manifesta gonfiore.

A seconda della gravità della condropatia, il medico può proporre ulteriori approcci terapeutici conservativi. Uno di questi è la fisioterapia, che si basa su esercizi di rafforzamento muscolare dell’arto inferiore. Inoltre, il fisioterapista può suggerire l’applicazione del taping rotuleo, un metodo che supporta la rotula in modo corretto e può aiutare a ridurre il dolore.

Per affrontare la condropatia femoro-rotulea, il chirurgo ortopedico potrebbe consigliare cicli di trattamenti infiltrativi. Questa terapia conservativa implica l’uso di sostanze come il cortisone, utilizzato in caso di infiammazioni intense, e l’acido ialuronico, che aiuta a nutrire la cartilagine e a lubrificare l’articolazione del ginocchio. In casi avanzati, tuttavia, il trattamento chirurgico potrebbe diventare necessario.

Opzioni chirurgiche

Le opzioni chirurgiche per la condropatia rotulea variano in base alla gravità della condizione. In alcuni casi, un intervento di pulizia articolare in artroscopia può essere raccomandato per rimuovere detriti articolari, frammenti o corpi mobili dalla cavità articolare. Questa procedura è solitamente consigliata per i pazienti con una condropatia di grado I.

Per ripristinare la cartilagine danneggiata, il chirurgo ortopedico può optare per un intervento di chirurgia rigenerativa, che implica l’innesto autologo di cellule staminali. Queste cellule, presenti nel tessuto adiposo, hanno la capacità di stimolare la riproduzione della cartilagine all’interno dell’articolazione.

Altre procedure in artroscopia includono il lateral release, indicato per correggere l’iperpressione laterale sulla rotula, e il riallineamento distale, che mira a ridurre la pressione tra il femore e la rotula mediante un riposizionamento della tuberosità tibiale.

Infine, nei casi più avanzati in cui il ginocchio è completamente bloccato, l’alternativa potrebbe essere una sostituzione protesica. Questa può essere parziale (sostituendo solo la parte gravemente danneggiata) o totale (sostituendo l’intera articolazione del ginocchio), al fine di ripristinare la funzionalità articolare. La scelta del trattamento dipenderà dalla gravità della condropatia e dalla risposta del paziente alle terapie conservative.

Condropatia Rotulea: Tempi di Guarigione

La condropatia rotulea è un disturbo articolare che richiede pazienza nel percorso di guarigione. I tempi di recupero variano in base alla gravità della lesione e alla tempestività dell’intervento. Nei casi lievi, con adeguato riposo e terapie conservative, si potrebbe assistere a un miglioramento entro 4-6 settimane. Tuttavia, nelle condizioni più gravi o in assenza di un trattamento mirato, il processo di guarigione potrebbe estendersi fino a diversi mesi. È essenziale seguire scrupolosamente il piano di riabilitazione prescritto dal professionista medico e adottare misure preventive a lungo termine per evitare ricadute.

condropatia del ginocchio

Integratori per le tue Articolazioni

Articoss

Per proteggere e mantenere il benessere di ossa e cartilagine, c’è Articoss di T-Rex Integratori.

Articoss Articolazioni ed Ossa è un integratore alimentare a base di Glucosammina, Collagene, Condroitina, MSM, Acido Ialuronico ed Artiglio del Diavolo, Selenio, Zinco, Prolina, Manganese e con l’aggiunta di Vitamina C e Vitamina D.

L’azione sinergica vitamine, minerali e delle erbe officinali è concepita per il mantenimento delle articolazioni, delle ossa e delle cartilagini.

Grazie al suo complex di principi attivi che lavorano in sinergia, questa formula:

  • Con Artiglio del diavolo, Glucosammina, Condroitina e Collagene contribuisce al mantenimento di ossa, cartilagini e alle funzioni muscolari;
  • Al mantenimento della normale funzione del sistema immunitario durante e dopo uno sforzo fisico intenso;
  • Alla normale formazione del collagene per la normale funzione dei vasi sanguigni;
  • Alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo (svolge ruolo di antiossidante).

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantire un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante.
Tutti i claims associati ai nostri prodotti sono ricavati da:
– DM 10 Agosto 2018 Preparati Vegetali
– Regolamento UE n. 432_2012 della Commissione
– Regolamento CE n. 1924_2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio

Articoli correlati

Extra Sconto del 10%

Iscriviti adesso alla Newsletter, ti regaliamo
un codice sconto del 10% da utilizzare al tuo primo acquisto.

Riceverai periodicamente promozioni riservate e sconti pazzeschi!

Ottieni lo sconto extra adesso

Siamo spiacenti, ci sono problemi con l'invio del modulo.
Riprova più tardi.

plane

Possiamo aiutarti?
Contattaci

ct-call

Chiamaci al
351 969 3267

ct-mail

Scrivici all’indirizzo
servizioclienti@mylabnutrition.net

ct-chat

Chatta
con un operatore

Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello