Carrello

Il tuo carrello contiene 0 prodotti

Nessun prodotto nel carrello.
Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello
hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

dolore all'anca

Dolore all’anca: cause e rimedi

Scienza
Tempo di lettura: 4 minuti
Autore: Isabella Iallonghi
Pubblicato il: 18-10-2023

Il dolore all’anca è un problema molto comune che può influenzare notevolmente la qualità della vita. Questa fastidiosa condizione può manifestarsi in vari modi, da un fastidio leggero ad una sensazione debilitante e di disagio. Ma cosa causa il dolore all’anca e quali sono i rimedi disponibili?

In questo articolo, esploreremo in dettaglio le possibili cause del dolore all’anca, dall’invecchiamento alle lesioni acute, e forniremo un’analisi approfondita dei vari metodi di trattamento. Se stai cercando risposte e soluzioni per alleviare il dolore all’anca, continua a leggere per acquisire una comprensione completa di questa condizione e scoprire come puoi migliorare la tua qualità di vita.

Anatomia dell’articolazione dell’anca

L’anca, conosciuta anche come articolazione coxo-femorale, svolge un ruolo fondamentale nel nostro sistema muscolo-scheletrico. Si tratta dell’articolazione che collega l’arto inferiore al tronco. Questa articolazione è costituita dalla testa del femore, l’osso della coscia, e l’acetabolo, una cavità ossea profonda situata nell’osso iliaco del bacino.

La testa del femore è una protuberanza ossea pressoché sferica, con orientamento mediale e leggermente anteriore, che si incastra perfettamente all’interno dell’acetabolo. Questa combinazione tra la testa del femore e l’acetabolo conferisce all’anca una notevole mobilità e, al contempo, stabilità. Oltre a questi elementi principali, l’anatomia dell’anca comprende anche la capsula articolare, che avvolge l’articolazione, la sinovia che lubrifica l’articolazione, le borse sinoviali che ammortizzano e proteggono l’articolazione, i legamenti che la stabilizzano, e un complesso di muscoli e tendini che contribuiscono in modo significativo alla sua mobilità.

Questa regione è responsabile di sostenere il peso corporeo e di permettere una vasta gamma di movimenti, rendendo cruciale il suo corretto funzionamento per un’ottima qualità di vita.

Dolore alle Anche: Cause

Il dolore all’ anca, anche detta “coxalgia”, può essere causato da diverse condizioni sottostanti. Tra le cause più comuni possiamo trovare:

  • Tendinite del medio gluteo: un’infiammazione dei tendini dei muscoli glutei, spesso causata da sovrautilizzo o movimenti ripetitivi.
  • Artrosi: una forma di usura delle cartilagini articolari, che può essere causa frequente di dolore all’anca, poiché provoca attrito e infiammazione nell’articolazione coxo-femorale.
  • Trocanterite: coinvolge l’infiammazione dei tendini che circondano la testa del femore.
  • Traumi vari: possono includere lesioni sportive, cadute o incidenti automobilistici.
  • Fratture: in particolare quelle del collo del femore o dell’acetabolo, possono causare dolore immediato e richiedere interventi chirurgici.
  • Lesioni dei legamenti o dei tessuti molli

Altre cause possono comprendere: fibromialgia, displasia dell’anca, borsite dell’ileo-psoas, osteonecrosi, osteoporosi, ecc.

È importante notare che le cause del dolore all’anca possono variare notevolmente da persona a persona, e la diagnosi precisa richiede solitamente un’approfondita valutazione medica.

Coxalgia Anca: Sintomi

Il dolore all’anca si manifesta attraverso sintomi distintivi che possono avere un impatto significativo sulla qualità di vita. In genere, si presenta come un dolore sordo e localizzato che si irradia dalla regione dell’ inguine, attraverso il gluteo, e si estende lungo la coscia fino al ginocchio. Questo disagio può variare da lieve a intenso e può essere descritto come una sensazione di pressione o rigidità nell’area dell’anca.

Un altro sintomo può riguardare il calore e/o gonfiore e il rossore nella zona dell’articolazione, e ancora zoppia, senso di indolenzimento a livello dell’anca, difficoltà a dormire su un fianco e dolore alla parte anteriore della coscia o al ginocchio.

Un aspetto chiave da notare è che il dolore all’anca tende ad accentuarsi durante il carico sull’articolazione o durante il movimento della gamba, come camminare, correre o alzarsi da una posizione seduta. Questo può rendere le attività quotidiane dolorose e limitare la mobilità.

Riconoscere questi sintomi è fondamentale per una diagnosi tempestiva e per iniziare il percorso di trattamento più adeguato. Tuttavia, è importante sottolineare che la diagnosi precisa richiede una valutazione medica approfondita per identificare la causa sottostante e pianificare un trattamento mirato.

dolore all'anca

Esami e diagnosi del dolore all’anca

Per affrontare il dolore all’anca in modo efficace, è fondamentale una diagnosi accurata. Gli specialisti in ortopedia e reumatologia utilizzano una serie di metodi diagnostici per identificare la causa sottostante del dolore. Uno dei primi passi è l’esame fisico, in cui il medico valuta la mobilità dell’anca, cerca segni di gonfiore o arrossamento, e raccoglie dettagli sulla storia clinica del paziente.

Gli esami radiografici, come le radiografie standard dell’anca, possono rivelare anomalie strutturali come fratture o artrosi. L’ecografia è un’opzione utile per valutare i tessuti molli e le lesioni dei tendini. Per una visione più dettagliata, la risonanza magnetica (RM) è spesso impiegata per esaminare con precisione la struttura delle articolazioni e i tessuti circostanti.

In alcuni casi, potrebbe essere necessaria un’artroscopia, un intervento chirurgico mininvasivo che permette al medico di esaminare direttamente l’interno dell’articolazione dell’anca. Questa procedura è preziosa per diagnosticare e talvolta trattare condizioni come le lesioni del labbro acetabolare.

La diagnosi accurata del dolore all’anca è essenziale per orientare verso il trattamento più adatto, che potrebbe variare da terapie conservative, fisioterapia o interventi chirurgici. Una diagnosi precoce e precisa è la chiave per migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da dolore all’anca.

Come alleviare il dolore all’anca: Cure e rimedi

Affrontare il dolore all’anca richiede un approccio multifattoriale, che può variare in base alla causa sottostante e al livello di gravità. Ecco alcune tipologie di rimedi che possono essere considerate:

Farmaci

Spesso, il dolore all’anca può essere alleviato con i farmaci. Gli analgesici da banco, come il paracetamolo, possono essere utili per gestire il dolore lieve. Tuttavia, in casi di dolore più intenso o infiammazione, i medici possono prescrivere farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) per ridurre il dolore e l’infiammazione. Nei casi in cui il dolore sia causato da problemi articolari come l’artrosi, i farmaci per il controllo dei sintomi possono essere una scelta appropriata.

ATTENZIONE: Ricorrere all’utilizzo dei farmaci solo sotto stretta supervisione del proprio medico curante.

Terapia fisica

La fisioterapia è spesso una parte essenziale del trattamento del dolore all’anca. Un fisioterapista specializzato può sviluppare un programma di esercizi specifici per migliorare la forza, la flessibilità e la stabilità dell’anca. Questo approccio può essere particolarmente benefico per le condizioni muscolari e legamentose, come la tendinite del medio gluteo e la trocanterite.

Medicina rigenerativa

In alcuni casi, la medicina rigenerativa, come le iniezioni di plasma ricco di piastrine (PRP) o il fattore di crescita derivato dalle piastrine (PDGF), può essere utilizzata per promuovere la riparazione dei tessuti e ridurre l’infiammazione. Questi trattamenti mirano a stimolare la guarigione naturale dell’organismo.

Protesi

Per i pazienti con danni articolari gravi e irreversibili, come nell’artrosi avanzata, la sostituzione dell’anca con una protesi articolare può un’opzione efficace per il sollievo dal dolore e il ripristino della mobilità. Questo intervento chirurgico, noto come artroplastica dell’anca, comporta la rimozione dell’articolazione danneggiata e la sua sostituzione con una protesi artificiale.

È importante sottolineare che il trattamento del dolore all’anca dovrebbe essere personalizzato in base alle esigenze e alle condizioni di ciascun paziente. Prima di intraprendere qualsiasi terapia, è fondamentale consultare un medico specializzato per una diagnosi precisa e una pianificazione del trattamento mirata.

Esercizi da Evitare per l’Artrosi dell’Anca

Nel contesto dell’artrosi dell’anca, è essenziale comprendere quali esercizi potrebbero comportare rischi o fastidi aggiuntivi. Gli affondi profondi, ad esempio, possono mettere una notevole pressione sull’articolazione dell’anca, aggravando l’infiammazione e causando dolore. Allo stesso modo, gli squat con pesi eccessivi possono aumentare il carico sulla zona colpita, contribuendo a danni articolari progressivi. In alternativa, l‘inclusione di esercizi a basso impatto, come il nuoto o l’ellittica, può promuovere la forza muscolare e il miglioramento della mobilità senza esacerbare la condizione. Il nuoto, in particolare, fornisce un ambiente a resistenza variabile che aiuta a rafforzare i muscoli senza stress eccessivo sulle articolazioni.

Consultare un professionista della salute è fondamentale per personalizzare un programma di esercizi, adattandolo alle esigenze specifiche del paziente e garantendo un approccio sicuro per gestire l’artrosi dell’anca nel lungo termine.

Articoss di T-Rex Integratori

Articoss è un integratore alimentare a base di Glucosammina, Collagene, Condroitina, MSM, Acido Ialuronico ed Artiglio del Diavolo, Selenio, Zinco, Prolina, Manganese e con l’aggiunta di Vitamina C e Vitamina D. L’azione sinergica vitamine, minerali e delle erbe officinali è concepita per il mantenimento delle articolazioni, delle ossa e delle cartilagini.

Grazie al suo complex di principi attivi che lavorano in sinergia, questa formula:

  • Con Artiglio del diavolo, Glucosammina, Condroitina e Collagene contribuisce al mantenimento di ossa, cartilagini e alle funzioni muscolari.
  • Al mantenimento della normale funzione del sistema immunitario durante e dopo uno sforzo fisico intenso.
  • Alla normale formazione del collagene per la normale funzione dei vasi sanguigni;
  • Alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo (svolge ruolo di antiossidante).

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantire un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante.
Tutti i claims associati ai nostri prodotti sono ricavati da:
– DM 10 Agosto 2018 Preparati Vegetali
– Regolamento UE n. 432_2012 della Commissione
– Regolamento CE n. 1924_2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio

Articoli correlati

Extra Sconto del 10%

Iscriviti adesso alla Newsletter, ti regaliamo
un codice sconto del 10% da utilizzare al tuo primo acquisto.

Riceverai periodicamente promozioni riservate e sconti pazzeschi!

Ottieni lo sconto extra adesso

Siamo spiacenti, ci sono problemi con l'invio del modulo.
Riprova più tardi.

plane

Possiamo aiutarti?
Contattaci

ct-call

Chiamaci al
351 969 3267

ct-mail

Scrivici all’indirizzo
servizioclienti@mylabnutrition.net

ct-chat

Chatta
con un operatore

Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello