Carrello

Il tuo carrello contiene 0 prodotti

Nessun prodotto nel carrello.
Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
1x FLORA B-COMPLEX IN REGALO
Arriva a 59.99€ di prodotti aggiunti in carrello
1x MELATOFAST IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello
1x PASITHEA RELAX IN REGALO
Arriva a 109.99€ di prodotti aggiunti in carrello
1x PAPAYN PLUS IN REGALO
Arriva a 129.99€ di prodotti aggiunti in carrello
hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra i 49,99€

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra i 49,99€

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

l'insulinoresistenza

L’insulinoresistenza: tutto quello che c’è da sapere

Scienza
Tempo di lettura: 4 minuti
Autore: Isabella Iallonghi
Pubblicato il: 18-11-2022

L’insulinoresistenza è una condizione molto comune e diffusa, se non curata e trattata con attenzione può dare origine a patologie ancora più gravi ed ormai ben conosciute, come il diabete mellito di tipo 2 e la sindrome dell’ovaio policistico.

In questo articolo parleremo di cos’è l’insulinoresistenza, dei sintomi di questa condizione e di come comportarsi in sua presenza.

Insulina: cos’è e quale ruolo svolge

L’insulina è un ormone prodotto dal pancreas coinvolto in più processi all’interno del nostro organismo. Il ruolo principale di questo ormone è quello di regolare la quantità di nutrienti che si muovono all’interno del sangue, principalmente implicato nella gestione del livello degli zuccheri (glucosio), ma anche nel metabolismo di proteine e grassi.

Dopo aver mangiato e digerito un pasto glucidico, il livello di zucchero nel sangue aumenta, come conseguenza il pancreas rilascia l’ insulina, il cui compito è di segnalare alle cellule dei tessuti raggiunti di prelevare il glucosio in circolazione, riportando ad un livello normale lo zucchero nel sangue.

Questo processo è estremamente importante per il benessere dell’organismo, in quanto quantità elevate di glucosio in circolazione possono avere effetti tossici.

Cosa significa soffrire di insulinoresistenza?

Quando l’ insulina raggiunge le cellule per comunicare loro di prelevare il glucosio, le cellule smettono di rispondere. Questo comporta anche una maggior produzione di insulina, che ne fa aumentare notevolmente la quota in circolazione nel sangue, portando all’iperinsulineamia. Ne consegueno dei livelli altissimi sia di zuccheri che di insulina in circolazione nel sangue.

Superata una certa concentrazione di glucosio nei vasi sanguigni (glicemia) si arriva a diagnosticare il diabete di tipo 2.

Sindrome metabolica: di cosa si tratta?

La sindrome metabolica è una condizione in cui coesistono più anomalie del metabolismo che predispongono la persona alla possibilità di sviluppare malattie come il diabete, patologie cardiovascolari ed epatiche.

Se sono presenti almeno tre dei seguenti fattori, si può parlare di sindrome metabolica:

  • Pressione arteriosa superiore a 130/85 mmHg
  • Trigliceridi ematici superiori a 150 mg/dl
  • Glicemia a digiuno superiore a 110 mg/dl (100 mg/dl secondo l’ADA)
  • Colesterolo HDL inferiore a 40 mg/dl nell’uomo o a 50 mg/dl nelle femmine
  • Circonferenza addominale superiore a 102 centimetri per i maschi o a 88 centimetri per le femmine

Le cause dell’insulinoresistenza

Tra le cause che possono contribuire alla sviluppo dell’insulinoresistenza troviamo:

  • Aumento della quantità di grassi in circolazione nel sangue (colesterolo). I grassi possono infatti influenzare la sensibilità insulinica delle cellule diminuendola.
  • Origine ormonale: presenza di quantità eccessive di cortisolo, adrenalina o GH, ormoni antagonisti dell’insulina.
  • Alti livelli di fruttosio proveniente da zuccheri aggiunti (non quelli della frutta)
  • Sedentarietà. L’attività fisica infatti, promuove l’aumento della sensibilità insulinica delle cellule.
  • Microbiota intestinale alterato
  • Fattori genetici

I sintomi dell’insulinoresistenza

L’insulinoresitenza non presenta sintomi specifici, ma piuttosto si palesa attraverso quelli delle condizioni sviluppate a causa del mancato utilizzo dell’insulina.

  • Sindrome metabolica: comporta un’intolleranza al glucosio, e quindi a livelli di zucchero nel sangue alti.
  • Sintomi tipici dell’iperglicemia e del diabete: aumento della sete, della fame, della diuresi e possibile diminuzione del peso.
  • Accumulo di grasso addominale
  • Ipertensione
  • Aumento del colesterolo
  • Disturbi cardiovascolari
  • Aumento della viscosità del sangue
  • Sindrome dell’ovaio policistico
  • Ipoglicemia caratterizzata da sudorazione, irritabilità e tremori

Insulino resistenza: come si scopre?

Non esiste un singolo test per diagnosticare la presenza di insulino resistenza, piuttosto vengono generalmente consigliati alcuni esami di laboratorio, tra i quali:

  • Glicemia: la misura del glucosio ematico a digiuno e in alcuni casi un test di tolleranza al glucosio.
  • Emoglobina glicata: per rilevare la concentrazione media di glucosio nei tre mesi precedenti l’esecuzione del test
  • Profilo lipidico: un test per stabilire la misura dei trigliceridi, del colesterolo HDL, LDL e totale nel sangue.
  • Insulina: un test che misura i livelli di insulinemia a digiuno.

5 consigli per migliorare la condizione di insulinoresistenza

Alcuni accorgimenti nello stile di vita possono avere effetti davvero positivi sul miglioramento di questa condizione, in alcuni casi possono anche portare ad una regressione.

  1. Regolare attività fisica; come abbiamo visto, lo sport promuove l’aumento della sensibilità delle cellule all’insulina.
  2. Dimagrimento; se in sovrappeso o in presenza di tessuto adiposo nella zona viscerale.
  3. Abolire il fumo.
  4. Curare l’alimentazione; evitare cibi confezionati ricchi di zuccheri aggiunti e grassi e bevande zuccherate e gassate. Prediligere alimenti a basso indice glicemico.
  5. Consumare alimenti ricchi di acidi grassi Omega 3 (pesce e semi oleosi) o integrare gli Omega 3, questo per il loro effetto sulla riduzione del livello di trigliceridi nel sangue.

l'insulinoresistenza

Insulino resistenza: cosa mangiare?

L’alimentazione gioca un ruolo fondamentale nel trattamento e miglioramento della condizione di insulinoresistenza.

La dieta dev’essere povera di grassi saturi (carne rossa e formaggi grassi) e zuccheri semplici (dolci, alcol, bevande zuccherate, snack).

Prediligere grassi monoinsaturi (olio d’oliva, frutta secca, pesce), alimenti ricchi di acidi grassi Omega 3, cereali integrali, frutta e verdura. È consigliato anche il consumo di fibre alimentari, che rallentano l’assorbimento dei carboidrati ed il conseguente picco glicemico.

ATTENZIONE: In caso si soffra della condizione di insulinoresistenza, evitare diete “fai da te” e affidarsi alle cure e ai consigli di un nutrizionista/dietista specializzato.

Integratori alimentari per il tuo benessere

FERMACOL K

Fermacol K di Nutracle è un integratore a base di Riso Rosso Fermentato con Acido Folico, Coenzima Q10, Policosanoli titolati in Octacosanolo e Gamma orizanolo, utile al mantenimento dei livelli normali di colesterolo.

La Monacolina K del Riso Rosso fermentato (titolata al 3%) ad opera del lievito Monascus Purpureus, contenuta all’interno di questa formulazione contribuisce al mantenimento di livelli normali di colesterolo nel sangue.

L’Acido Folico (Vit B9) contribuisce al normale metabolismo dell’omocisteina e alla normale emopoiesi, la formazione e maturazione delle cellule del sangue e dunque contribuisce alla circolazione.

OMEGA 3

Omega 3 con Vitamina E della linea T-Rex Integratori è un integratore alimentare a base di olio di pesce proveniente da pesca sostenibile certificata FOS (Friend of the Sea), ad elevatissima concentrazione dei due acidi grassi essenziali: acido eicosapentaenoico (EPA 50%); acido docosaesaenoico (DHA 25%).

È particolarmente indicato per il benessere di tutti i giorni, infatti risulta importante per:

  • Colesterolo: Contribuisce al mantenimento dei normali livelli di colesterolo
  • Cuore: L’EPA e il DHA contribui­scono alla normale funzione cardiaca.
  • Trigliceridi: Contribuiscono al mantenimento di livelli normali di trigliceridi nel sangue.
  • Pressione sanguigna: Contribuiscono al mantenimento di una normale pressione sanguigna.
  • Vista e Cervello: il DHA contribuisce al man­tenimento della normale funzione cerebrale e della vista.
  • Antiossidante: Con aggiunta di Vitamina E, protegge le cellule dallo stress ossidativo

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantire un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante.
Tutti i claims associati ai nostri prodotti sono ricavati da:
– DM 10 Agosto 2018 Preparati Vegetali
– Regolamento UE n. 432_2012 della Commissione
– Regolamento CE n. 1924_2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio

Articoli correlati

Extra Sconto del 10%

Iscriviti adesso alla Newsletter, ti regaliamo
un coupon valido sul tuo prossimo acquisto.

Riceverai periodicamente promozioni riservate e sconti pazzeschi!

Ottieni lo sconto extra adesso

Siamo spiacenti, ci sono problemi con l'invio del modulo.
Riprova più tardi.

plane

Possiamo aiutarti?
Contattaci

ct-call

Chiamaci al
351 969 3267

ct-mail

Scrivici all’indirizzo
servizioclienti@mylabnutrition.net

ct-chat

Chatta
con un operatore

Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
1x FLORA B-COMPLEX IN REGALO
Arriva a 59.99€ di prodotti aggiunti in carrello
1x MELATOFAST IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello
1x PASITHEA RELAX IN REGALO
Arriva a 109.99€ di prodotti aggiunti in carrello
1x PAPAYN PLUS IN REGALO
Arriva a 129.99€ di prodotti aggiunti in carrello