Carrello

Il tuo carrello contiene 0 prodotti

Nessun prodotto nel carrello.
Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello
hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

probiotici

Probiotici per il Tuo Intestino: Quando Prenderli?

Scienza
Tempo di lettura: 4 minuti
Autore: Isabella Iallonghi
Pubblicato il: 01-03-2024

L’intestino svolge un ruolo fondamentale nella nostra salute generale, influenzando non solo la digestione, ma anche il sistema immunitario e persino il nostro umore. In questo contesto, l’uso dei probiotici – microrganismi vivi che apportano benefici alla salute intestinale – è sempre più diffuso. Tuttavia, la domanda cruciale rimane: in quali casi è consigliato integrare i probiotici nella nostra dieta e come possiamo massimizzarne i benefici? Esploriamo insieme le diverse situazioni in cui l’assunzione di probiotici potrebbe essere vantaggiosa e le considerazioni importanti da tenere in mente per garantire un uso efficace di questi preziosi alleati della salute intestinale.

Probiotici: Cosa Sono?

I probiotici rappresentano una variegata comunità di microrganismi vivi, composta principalmente da batteri e lieviti, che si affiancano ai microbi “benefici” già presenti nel nostro tratto gastrointestinale. Questi preziosi alleati prendono il loro nome dalla combinazione del prefisso latino “pro”, che significa “a favore”, con il sostantivo greco “bios”, che si traduce in “vita”. Quindi, il termine probiotico (pro bios) denota letteralmente qualcosa che è “a favore della vita”.

Nel complesso ecosistema dell’intestino risiedono miliardi di questi microrganismi, che comprendono non solo batteri, ma anche funghi e virus, costituendo quello che è comunemente noto come microbiota intestinale. La relazione tra questi microbi intestinali e l’ospite umano è di reciproco vantaggio, caratterizzata da un rapporto simbiotico. In altre parole, l’ospite fornisce un ambiente ricco di nutrienti, grazie all’introito di cibo, mentre il microbiota contribuisce attivamente al mantenimento della salute e del benessere dell’intestino e dell’organismo nel suo complesso.

Probiotici: A Cosa Servono?

I probiotici svolgono una vasta gamma di funzioni benefiche all’interno del nostro organismo, con particolare enfasi sul miglioramento della salute intestinale e del sistema immunitario. Innanzitutto, contribuiscono a mantenere un equilibrio ottimale della flora batterica intestinale, favorendo la crescita di batteri “amici” e riducendo la presenza di microrganismi dannosi. Questo equilibrio è essenziale per la digestione efficace degli alimenti, l’assorbimento dei nutrienti e la prevenzione di disturbi gastrointestinali come la diarrea, il gonfiore addominale e la sindrome dell’intestino irritabile.

Inoltre, i probiotici hanno dimostrato di essere in grado di potenziare il sistema immunitario, stimolando la produzione di citochine e altre molecole che combattono le infezioni. Ciò significa che possono aiutare a prevenire e ridurre la gravità di infezioni comuni come raffreddori e influenza, nonché a migliorare la risposta del corpo agli agenti patogeni.

Oltre a ciò, alcuni ceppi di probiotici sono stati associati a benefici per la salute mentale, poiché il microbiota intestinale sembra influenzare anche il cervello attraverso l’asse intestino-cervello. Alcuni studi suggeriscono che i probiotici possano contribuire a ridurre l’ansia, la depressione e lo stress, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno questi meccanismi.

Infine, i probiotici possono essere utili anche durante e dopo l’assunzione di antibiotici, poiché possono proteggere il microbiota intestinale dalla distruzione causata da questi farmaci e ridurre il rischio di effetti collaterali come la diarrea associata agli antibiotici.

Quali Sono i Probiotici?

I probiotici comprendono una vasta gamma di microrganismi vivi, tra cui i principali sono batteri appartenenti alla famiglia dei Lattobacilli, dei Bifidobacteria e degli Eubacteria. Questi batteri sono noti per i loro molteplici benefici sulla salute, soprattutto per quanto riguarda la salute della flora intestinale e del sistema immunitario.

I Lattobacilli, ad esempio, sono presenti in numerosi alimenti fermentati e sono associati a una serie di effetti benefici, tra cui la promozione della digestione, il sostegno alla salute del sistema immunitario e la prevenzione di infezioni gastrointestinali. I Bifidobacteria, dall’altro canto, colonizzano principalmente l’intestino crasso e sono noti per migliorare la salute intestinale, riducendo l’infiammazione e supportando la regolarità intestinale. Gli Eubacteria, che comprendono una vasta gamma di batteri presenti naturalmente nell’intestino, sono anch’essi associati a numerosi benefici per la salute, tra cui la produzione di vitamine e la prevenzione della crescita eccessiva di batteri nocivi.

Oltre a questi batteri principali, ci sono anche altri microrganismi utilizzati come probiotici, come i lieviti della specie Saccharomyces, che sono noti per la loro capacità di prevenire la diarrea associata agli antibiotici e le infezioni da lieviti. La diversità di probiotici disponibili offre una vasta gamma di opzioni per migliorare la salute intestinale e generale, e la scelta del probiotico più adatto dipende spesso dalle esigenze individuali e dalla condizione di salute specifica.

probiotici

Probiotici e Prebiotici: Qual è la Differenza?

I probiotici e i prebiotici sono due componenti fondamentali per la salute dell’intestino, ma differiscono nei loro ruoli e nelle loro modalità d’azione. I probiotici sono microrganismi vivi, principalmente batteri benefici, che quando consumati in quantità adeguate possono conferire benefici alla salute dell’ospite. Questi microrganismi possono essere naturalmente presenti in alcuni alimenti fermentati, come lo yogurt e il kefir, ma sono anche disponibili sotto forma di integratori. I probiotici, come abbiamo visto, agiscono colonizzando l’intestino e competendo con i batteri nocivi, aiutando così a mantenere un equilibrio ottimale del microbiota intestinale e a svolgere ruoli cruciali nella digestione, nell’assorbimento dei nutrienti e nel rafforzamento del sistema immunitario.

D’altra parte, i prebiotici sono sostanze non digeribili presenti in alcuni alimenti, come l’aglio, le cipolle, le banane e i cereali integrali. Queste sostanze fungono da “cibo” per i batteri benefici già presenti nell’intestino, stimolando la loro crescita e la loro attività. In questo modo, i prebiotici favoriscono la sopravvivenza e la proliferazione dei probiotici nell’intestino, contribuendo così al mantenimento di un microbiota intestinale sano ed equilibrato. I prebiotici hanno anche dimostrato di avere effetti benefici sulla salute intestinale e generale, tra cui la riduzione dell’infiammazione, il miglioramento della regolarità intestinale e il sostegno al sistema immunitario.

Probiotici: Quando Prenderli?

L’assunzione di integratori alimentari a base di probiotici può essere vantaggiosa in diverse situazioni, offrendo un supporto naturale per la salute intestinale e generale. Ecco alcuni dei momenti in cui prendere i probiotici potrebbe essere particolarmente benefico:

  • Durante e dopo un trattamento antibiotico: Gli antibiotici possono disturbare l’equilibrio del microbiota intestinale, causando la proliferazione di batteri dannosi e provocando diarrea. In questo contesto, l’assunzione di probiotici ad alto dosaggio contenenti lattobacilli, bifidobacteria o lieviti come il Saccharomyces boulardii può aiutare a ripristinare l’equilibrio naturale del microbiota.
  • In caso di intolleranza al lattosio: L’intolleranza al lattosio è causata dalla mancanza dell’enzima lattasi, necessario per digerire il lattosio presente nei latticini. I probiotici possono aiutare a migliorare i sintomi dell’intolleranza al lattosio producendo autonomamente l’enzima lattasi nell’intestino, compensando così la sua carenza e consentendo una migliore digestione del lattosio.
  • Durante periodi di stress o cambiamenti nella dieta: Lo stress e i cambiamenti nella dieta possono influenzare negativamente l’equilibrio del microbiota intestinale, causando disturbi gastrointestinali come gonfiore, crampi e diarrea. In questi casi, l’assunzione regolare di probiotici può contribuire a mantenere un microbiota sano e ridurre il rischio di disturbi intestinali.
  • Durante la gravidanza e l’allattamento: Durante la gravidanza e l’allattamento, è importante mantenere un equilibrio ottimale del microbiota intestinale per la salute della madre e del bambino. L’assunzione di probiotici può aiutare a prevenire o ridurre il rischio di infezioni gastrointestinali e vaginali durante la gravidanza, nonché a ridurre il rischio di sviluppare allergie nei neonati.
  • In presenza di disturbi intestinali come la sindrome del colon irritabile o la malattia infiammatoria intestinale: I probiotici possono essere utilizzati come parte di una strategia integrata per gestire i sintomi di disturbi intestinali, aiutando a ridurre l’infiammazione e migliorare la salute intestinale complessiva.

Assunzione di Probiotici: Linee Guida e Considerazioni

L’assunzione di probiotici è essenziale per mantenere un equilibrio ottimale del microbiota intestinale e promuovere la salute generale. Sebbene alcuni alimenti come yogurt e kefir contengano naturalmente probiotici, l’assorbimento di questi microrganismi può essere limitato dai processi digestivi. Di conseguenza, sono disponibili sul mercato alimenti con aggiunta di probiotici, come yogurt arricchiti, per garantire un migliore assorbimento. Tuttavia, se si preferisce assumere probiotici sotto forma di integratori, è sempre consigliabile consultare un medico per determinare la tipologia e il dosaggio più adatti. Le linee guida generali per l’assunzione di probiotici includono:

  • Assumere una dose giornaliera di almeno un miliardo di probiotici.
  • Mantenere l’assunzione per periodi prolungati, di almeno 20 giorni, per massimizzare i benefici.
  • Preferire l’assunzione per via orale, che è il metodo più comune e efficace.
  • Assumere i probiotici a stomaco vuoto, per ridurre la quantità di succhi gastrici nello stomaco e migliorare l’efficacia dell’assorbimento.

Seguire queste linee guida può contribuire a ottimizzare l’assunzione di probiotici e massimizzare i benefici per la salute intestinale e generale.

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantire un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante.
Tutti i claims associati ai nostri prodotti sono ricavati da:
– DM 10 Agosto 2018 Preparati Vegetali
– Regolamento UE n. 432_2012 della Commissione
– Regolamento CE n. 1924_2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio

Articoli correlati

Extra Sconto del 10%

Iscriviti adesso alla Newsletter, ti regaliamo
un codice sconto del 10% da utilizzare al tuo primo acquisto.

Riceverai periodicamente promozioni riservate e sconti pazzeschi!

Ottieni lo sconto extra adesso

Siamo spiacenti, ci sono problemi con l'invio del modulo.
Riprova più tardi.

plane

Possiamo aiutarti?
Contattaci

ct-call

Chiamaci al
351 969 3267

ct-mail

Scrivici all’indirizzo
servizioclienti@mylabnutrition.net

ct-chat

Chatta
con un operatore

Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello