insufficienza-renale-nel-gatto-dieta-come-prevenire-cause-sintomi

Come riconoscere i segni dell’insufficienza renale nel gatto

Autore:

Condividi l'articolo sui Social!

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Tempo di Lettura: 2 minuti

Il benessere dei nostri amici a quattro zampe è davvero importante e per questo è fondamentale riconoscere i sintomi che possano causare malattie e problemi al nostro cane e al nostro gatto.

Parlando di felini una malattia che spesso facciamo fatica a riconoscere è l’insufficienza renale: una condizione patologica grave che in forma acuta può essere anche mortale.

In questo articolo evidenzieremo quali sono i sintomi e le cause dell’insufficienza renale del gatto e quali accorgimenti adottare per tentare di alleviare la probabilità del suo sopraggiungere. 

Che cos'è l'insufficienza renale nei gatti?

Proprio come accade negli umani anche nei gatti, e nei cani, l’insufficienza renale è la condizione in cui il rene non riesce più a svolgere il suo lavoro nella regolazione di quanti liquidi devono rimanere all’interno dell’organismo. L’insufficienza renale è un processo irreversibile, non esistono quindi ad oggi cure per ripristinare la normale funzione dei reni. C’è solo la possibilità di seguire un protocollo terapeutico e alimentare per tamponare la fase di degenerazione.

Questa malattia causa un accumulo di sostanze tossiche nell’organismo che non riesce ad espellere le scorie attraverso l’urina.

L’insufficienza renale nel gatto può essere di due tipi: cronica oppure acuta. La forma cronica colpisce soprattutto i gatti anziani ed è una patologia di tipo degenerativo; la forma acuta ha invece di solito un decorso molto veloce ed è più comune nei gatti giovani.

Cause dell'insufficienza renale nel gatto

  • Insufficienza renale acuta: Se il nostro gatto presenta questa forma di insufficienza renale le cause potrebbero derivare da un’infezione o dall’indigestione di sostanze tossiche. Anche i medicinali possono danneggiare i reni e l’igiene orale può riservare brutte sorprese se non eseguita in modo corretto e costante.

  • Insufficienza renale cronica: Se il micio invece presenta un’insufficienza renale cronica le cause non sono da attribuire all’esterno ma sono da ricercare all’interno e in altre patologie legate all’età del gatto. Ipertensione, o ipotensione, oppure ancora malattie immunitarie, problemi congeniti e tumori.

Sintomi dell'insufficienza renale nel gatto

Sono molteplici i sintomi che possono ricondurre all’insufficienza renale nel nostro felino come:

  • Rifiuto del cibo,
  • Apatia,
  • Vomito,
  • Diarrea,
  • Dimagrimento progressivo,
  • Debolezza muscolare,
  • Gastriti.

Sarà molto importante accorgersi subito di alcuni sintomi che potrebbero far scattare l’allarme come la quantità di acqua che beve il gatto, l’incontinenza e quindi la disidratazione del gatto.

Dieta e Pet Care

Anche se non esiste una forma di prevenzione ci sono degli accorgimenti che possiamo mettere in campo contro l’insorgere di questa pericolosa patologia.

Una ricerca anglosassone ha infatti dimostrato una forte correlazione tra l’insufficienza renale e le malattie del cavo orale nel gatto, questo vuol dire che dovremo prestare molta attenzione all’igiene orale soprattutto se il gatto è anziano. Il tartaro è infatti fonte di miliardi di batteri che migrano in tutto l’organismo, reni compresi, creando infezioni anche gravi.

Un altro fattore importantissimo è la dieta: una dieta bilanciata infatti può ridurre gli effetti collaterali e rallentare l’avanzamento della malattia. Importante evitare gli snack per gatti ma anche fare attenzione alla qualità del cibo che mettiamo nella ciotola soprattutto dal punto di vista proteico.

Sarebbe opportuno anche che il gatto segua una dieta ricca di acidi grassi Omega3 e 6 per prevenire le infiammazioni e attenzione non solo alla qualità del cibo ma anche alla qualità dell’acqua. Importanti anche gli antiossidanti così come la vitamina E e C.

Condividi l'articolo sui Social!

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Articoli correlati