Carrello

Il tuo carrello contiene 0 prodotti

Nessun prodotto nel carrello.
Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello
1x FIOCCHI CARAMELLO IN REGALO
Arriva a 54.99€ di prodotti aggiunti in carrello
hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

vitamina e

Vitamina E (Tocoferolo)

Scienza
Tempo di lettura: 4 minuti
Autore: Isabella Iallonghi
Pubblicato il: 20-12-2023

La Vitamina E, conosciuta scientificamente come tocoferolo, è un nutriente essenziale che riveste un ruolo fondamentale nel mantenimento della salute umana. Questo potente antiossidante è coinvolto in una serie di processi biologici cruciali, contribuendo a proteggere le cellule dai danni causati dai radicali liberi e svolgendo un ruolo chiave nel supportare la funzione del sistema immunitario. Essenziale per la salute della pelle, dei capelli e degli occhi. In questo articolo, esploreremo in dettaglio i benefici della Vitamina E, le fonti alimentari ricche di questo nutriente e le raccomandazioni per garantire un adeguato apporto nella dieta quotidiana.

Che cos’è la Vitamina E?

La Vitamina E appartiene al gruppo delle vitamine liposolubili; essa comprende diverse forme, tra cui alfa-tocoferolo, beta-tocoferolo, gamma-tocoferolo e delta-tocoferolo, ognuna con specifiche proprietà antiossidanti. Poiché liposolubile, viene immagazzinata nel fegato e nel tessuto adiposo, sarà il corpo a rilasciarla a piccole dosi nel momento del bisogno, il che significa che non è necessario assumerla quotidianamente come alcune vitamine idrosolubili.

La sua sensibilità al calore e alla luce sottolinea l’importanza di una corretta conservazione degli alimenti ricchi di Vitamina E. La carenza di questa vitamina è rara nella popolazione generale, ma può verificarsi in condizioni specifiche, come disturbi metabolici genetici.

A che cosa serve la Vitamina E?

La Vitamina E, grazie alle sue molteplici funzioni, si configura come un elemento fondamentale per il mantenimento della salute e il corretto funzionamento del corpo umano. Prima di tutto, agisce come un potente antiossidante liposolubile, proteggendo le cellule dai danni causati dai radicali liberi e sostenendo così la salute cellulare e la prevenzione di malattie croniche. In particolare, la sua azione protettiva è mirata alle membrane cellulari, dove contribuisce a mantenere l’integrità strutturale, garantendo una barriera efficace contro gli agenti dannosi. La sua efficacia nella prevenzione del cancro è notevole, in quanto la sua azione antiossidante può aiutare a ridurre il rischio di danni cellulari che possono portare a mutazioni genetiche e alla formazione di cellule tumorali.

Inoltre, svolge un ruolo chiave nella regolazione del sistema immunitario, contribuendo a stimolare la risposta immunitaria del corpo contro le infezioni e le malattie. La sua presenza è fondamentale anche per la sintesi di enzimi che partecipano alle reazioni immunitarie.

La Vitamina E è coinvolta anche nel processo di assimilazione delle proteine. Contribuisce alla corretta sintesi e al mantenimento delle proteine, fondamentali per la crescita, il ripristino e la salute generale dei tessuti del corpo. Questo ruolo nella sintesi proteica è particolarmente rilevante per l’ottimale funzionamento muscolare, la guarigione delle ferite e la regenerazione cellulare.

È nota per favorire la salute della pelle, agendo come un nutriente essenziale per la rigenerazione delle cellule cutanee e proteggendo la pelle dagli effetti dannosi dei raggi ultravioletti. Questa proprietà la rende un alleato prezioso per mantenere una pelle sana e giovane.

Oltre a ciò, è coinvolta nella regolazione del bilancio dell’ossigeno nel corpo, facilitando il trasporto di ossigeno ai tessuti e contribuendo alla corretta funzione dei muscoli e del sistema cardiovascolare.

Infine, la Vitamina E ha dimostrato un potenziale ruolo nella prevenzione di alcune condizioni neurodegenerative, fornendo protezione contro lo stress ossidativo che può contribuire allo sviluppo di patologie come l’Alzheimer.

Fabbisogno Giornaliero

La raccomandazione giornaliera di Vitamina E per gli adulti varia leggermente a seconda delle linee guida dietetiche e delle organizzazioni sanitarie. Tuttavia, in generale, la quantità raccomandata per gli adulti è di circa 15 milligrammi (mg) al giorno.

È importante notare che la quantità esatta può variare in base a diversi fattori, tra cui età, sesso, livello di attività fisica e condizioni di salute specifiche. La supplementazione di Vitamina E attraverso integratori è consigliata solo in casi specifici e sotto la supervisione di un professionista della salute. In linea generela, una dieta bilanciata che comprenda una varietà di alimenti nutrienti fornisce la quantità adeguata di Vitamina E per soddisfare le esigenze giornaliere degli adulti.

Alimenti ricchi di Vitamina E

La Vitamina E è abbondante in diversi cibi, soprattutto in quelli di origine vegetale e in alcuni oli. Tra le noci e i semi, le mandorle spiccano come una delle fonti più ricche di Vitamina E, fornendone circa 7 mg per 100 grammi di mandorle. Allo stesso modo, le noci del Brasile sono straordinariamente ricche di questa vitamina, contenendo oltre 5 mg per 100 grammi.

Gli oli vegetali sono una fonte concentrata di Vitamina E, con l’olio di germe di grano in testa alla lista, offrendo circa 133 mg di Vit E per 100 grammi. L’olio di girasole e l’olio di semi di sesamo sono anch’essi eccellenti fonti di questa vitamina.

Tra le verdure a foglia verde, sono da citare gli spinaci, fornendo oltre 2 mg di Vitamina E per 100 grammi. Anche la lattuga, il cavolo riccio e il cavolo verde forniscono contributi significativi.

I cereali integrali, come il grano intero e l’avena, contribuiscono a raggiungere la quota giornaliera di Vitamina E. Tuttavia, è importante notare che la quantità di vitamina E presente in cereali e altri alimenti può variare a seconda del metodo di lavorazione e preparazione.

Anche l’avocado ne offre una buona quantità, contribuendo con circa 2 mg per ogni 100 grammi.

Nonostante sia meno prevalente negli alimenti di origine animale, la Vitamina E si trova comunque in quantità significative in alcune fonti, tra cui le uova, i latticini e alcune carni magre.

Per mantenere l’efficacia nutrizionale degli alimenti ricchi di Vitamina E, è essenziale considerare le modalità di conservazione e cottura. Evitare il surriscaldamento e l’esposizione prolungata alla luce può contribuire a preservarne il contenuto negli alimenti. In definitiva, integrare una varietà di queste fonti alimentari nella dieta quotidiana è cruciale per garantirne un apporto bilanciato.

Carenza di Vitamina E

La carenza di Vitamina E è tipicamente associata a condizioni di malnutrizione e può manifestarsi in deficit di crescita e sviluppo nei soggetti più giovani. In termini generali, l’insufficiente apporto di questa vitamina può contribuire all’insorgenza di disturbi nel sistema nervoso e compromettere il corretto funzionamento del metabolismo. La carenza di questa vitamina può quindi avere implicazioni significative sulla salute, influendo sulla crescita fisica e sullo sviluppo, soprattutto durante le fasi di crescita rapida. Pertanto, garantire un adeguato apporto di Vitamina E attraverso una dieta equilibrata è essenziale per prevenire tali problematiche e promuovere una salute ottimale.

Eccesso di Vitamina E

L’eccesso di Vitamina E è un evento molto raro, ma quando si verifica, può comportare conseguenze negative, soprattutto per determinate categorie di individui. Un eccesso di questa vitamina può influenzare negativamente la pressione sanguigna, creando situazioni potenzialmente pericolose per coloro che già soffrono di ipertensione. Inoltre, può avere effetti avversi sul funzionamento della tiroide, causando una riduzione degli ormoni prodotti da questa ghiandola. Altre conseguenze associate all’eccesso di Vitamina E includono stanchezza diffusa e disturbi gastrointestinali come nausea e vomito.

È importante sottolineare che, per la maggior parte delle persone, l’assunzione eccessiva di Vitamina E di solito si verifica attraverso l’uso improprio di integratori, poiché dal punto di vista alimentare, un eccesso è raramente osservato.

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantire un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante.
Tutti i claims associati ai nostri prodotti sono ricavati da:
– DM 10 Agosto 2018 Preparati Vegetali
– Regolamento UE n. 432_2012 della Commissione
– Regolamento CE n. 1924_2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio

Articoli correlati

Extra Sconto del 10%

Iscriviti adesso alla Newsletter, ti regaliamo
un codice sconto del 10% da utilizzare al tuo primo acquisto.

Riceverai periodicamente promozioni riservate e sconti pazzeschi!

Ottieni lo sconto extra adesso

Siamo spiacenti, ci sono problemi con l'invio del modulo.
Riprova più tardi.

plane

Possiamo aiutarti?
Contattaci

ct-call

Chiamaci al
351 969 3267

ct-mail

Scrivici all’indirizzo
servizioclienti@mylabnutrition.net

ct-chat

Chatta
con un operatore

Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello
1x FIOCCHI CARAMELLO IN REGALO
Arriva a 54.99€ di prodotti aggiunti in carrello