Carrello

Il tuo carrello contiene 0 prodotti

Nessun prodotto nel carrello.
Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello
1x FIOCCHI CARAMELLO IN REGALO
Arriva a 54.99€ di prodotti aggiunti in carrello
hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

hb-delivery

Consegna in 24/48 ore

hb-shipping

Spedizione gratuita sopra 34,99

hb-italy

Prodotti di Alta Qualità Made in Italy

hb-payments

Pagamenti Rateizzabili

vitamina k

Vitamina K (Naftochinone)

Scienza
Tempo di lettura: 4 minuti
Autore: Isabella Iallonghi
Pubblicato il: 18-12-2023

La Vitamina K, spesso trascurata rispetto ad altre vitamine, in realtà riveste un ruolo cruciale nella salute umana, svolgendo funzioni vitali che vanno ben oltre la semplice coagulazione del sangue. In questo articolo esploreremo in dettaglio la questa vitamina, mettendo in luce la sua importanza per la coagulazione sanguigna, la salute ossea e altri processi fisiologici. Scopriremo le diverse forme di Vitamina K, le fonti alimentari ricche di questo nutriente e il suo impatto sulla prevenzione di alcune patologie.

Che cos’è la Vitamina K?

La Vitamina K, anche nota come naftochinone, appartiene alla categoria delle vitamine liposolubili, un gruppo che include anche le vitamine A, D ed E. La Vitamina K viene immagazzinata nel fegato e nei tessuti adiposi, il che significa che il corpo può attingere alle sue riserve quando necessario. Questo aspetto la rende un elemento essenziale per il mantenimento di diverse funzioni fisiologiche, tra cui la coagulazione del sangue e la salute ossea. Quando il corpo richiede la Vit K per svolgere specifiche funzioni, la rilascia gradualmente, garantendo un apporto costante in momenti critici.

La Vitamina K viene suddivisa in tre gruppi, K1, K2 e K3, i quali riflettono la diversità delle loro origini, caratteristiche e funzioni all’interno dell’organismo umano.

La Vitamina K1, o fillochinone, è di origine prevalentemente vegetale ed è la forma più comune nella dieta umana. La sua principale funzione è quella di partecipare attivamente nei processi di coagulazione del sangue, svolgendo un ruolo chiave nella formazione di protrombina e altri fattori coagulativi.

La Vitamina K2, o menachinone, deriva da fonti batteriche ed è essenziale per la salute intestinale e la salute delle ossa. Questa forma favorisce l’assorbimento di calcio attraverso la microflora intestinale, contribuendo così al mantenimento di ossa solide e sane.

La Vitamina K3, o menadione idrosolubile, è di origine sintetica e trova impiego principalmente in farmaci dedicati a regolare i processi di coagulazione del sangue. La sua forma idrosolubile la rende adatta per l’uso in preparazioni farmaceutiche, svolgendo un ruolo cruciale nel trattamento di disturbi legati alla coagulazione.

A che cosa serve la Vitamina K?

La Vitamina K è fondamentale per il corretto svolgimento della coagulazione ematica, contribuendo alla produzione di proteine coinvolte nella formazione di coaguli che impediscono le emorragie e favoriscono la guarigione delle ferite.

Oltre a ciò, la Vit K gioca un ruolo determinante nella salute ossea. Questa vitamina è coinvolta nella regolazione delle proteine che modellano e mantengono la matrice ossea, contribuendo così alla solidità e alla struttura delle ossa stesse. La sua azione è particolarmente rilevante nel processo di mineralizzazione ossea, influenzando la deposizione di calcio nelle ossa e garantendo la loro resistenza e integrità.

Recenti studi hanno inoltre suggerito che la Vit K potrebbe avere un impatto positivo sulla salute cardiovascolare, contribuendo alla prevenzione di calcificazioni delle arterie e promuovendo la salute del sistema cardiovascolare in generale.

Fabbisogno giornaliero

La quantità giornalmente raccomandata di Vitamina K per gli adulti si attesta intorno ai 140 microgrammi. Questa dose può essere facilmente ottenuta attraverso una dieta normale.

Quali sono le fonti alimentari ricche di Vitamina K?

Le fonti alimentari nelle quali è presente la Vitamina K sono prevalentemente di origine vegetale e si rivelano fondamentali per garantire un adeguato apporto di questo nutriente essenziale. Verdure a foglia verde, come spinaci, cavoli e cime di rapa, ne sono particolarmente ricche. Anche ortaggi come i pomodori contribuiscono a fornire quantità significative di questa vitamina. Da non trascurare è la sua presenza nel fegato, che aggiunge una componente di origine animale alle fonti di questo nutriente.

Curiosamente, il nostro intestino svolge un ruolo significativo nella produzione di Vitamina K. Batteri intestinali specifici sono in grado di sintetizzare questa vitamina, contribuendo così alla nostra riserva interna. Questo processo, noto come sintesi endogena, sottolinea l’importanza di un sano equilibrio della flora intestinale per assicurare una produzione ottimale di questo nutriente chiave.

Carenza di Vitamina K

La carenza di Vitamina K può avere conseguenze significative sul corpo umano, principalmente a causa del suo ruolo cruciale nel processo di coagulazione del sangue. Quando si verifica una carenza, si possono verificare problemi di coagulazione, con il rischio di emorragie e sanguinamenti. È importante sottolineare che la carenza di Vitamina K è relativamente rara e di solito si manifesta in circostanze specifiche.

Uno dei principali fattori che possono portare a una carenza è legato a patologie che compromettono l’assorbimento intestinale, come la celiachia o malattie infiammatorie intestinali. Inoltre, trattamenti antibiotici prolungati possono interferire con la normale flora intestinale, compromettendo la produzione endogena di Vit K da parte dei batteri intestinali.

La Vitamina K è anche coinvolta nella salute delle ossa, e la sua carenza può contribuire a fratture ossee, osteoporosi e forme di artrosi.

Eccesso di Vitamina K

L’eccesso di Vitamina K è un fenomeno estremamente raro negli adulti; in caso di un apporto eccessivo di questa vitamina, possono verificarsi sintomi come vomito, anemia, trombosi, sudorazione eccessiva, vampate di calore e un senso di oppressione al petto. Tuttavia, è importante sottolineare che tali effetti sono generalmente associati a dosi molto elevate e al consumo eccessivo di integratori vitaminici.

In generale, sebbene l’eccesso di Vitamina K sia un evento raro, è sempre consigliabile consultare un professionista della salute prima di assumere dosi elevate di integratori, specialmente durante la gravidanza.

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantire un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante.
Tutti i claims associati ai nostri prodotti sono ricavati da:
– DM 10 Agosto 2018 Preparati Vegetali
– Regolamento UE n. 432_2012 della Commissione
– Regolamento CE n. 1924_2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio

Articoli correlati

Extra Sconto del 10%

Iscriviti adesso alla Newsletter, ti regaliamo
un codice sconto del 10% da utilizzare al tuo primo acquisto.

Riceverai periodicamente promozioni riservate e sconti pazzeschi!

Ottieni lo sconto extra adesso

Siamo spiacenti, ci sono problemi con l'invio del modulo.
Riprova più tardi.

plane

Possiamo aiutarti?
Contattaci

ct-call

Chiamaci al
351 969 3267

ct-mail

Scrivici all’indirizzo
servizioclienti@mylabnutrition.net

ct-chat

Chatta
con un operatore

Omaggi extra per te
Aggiungi prodotti in carrello per sbloccare i tuoi preferiti!
2x BIOTINKER IN REGALO
Arriva a 79.99€ di prodotti aggiunti in carrello
1x FIOCCHI CARAMELLO IN REGALO
Arriva a 54.99€ di prodotti aggiunti in carrello